Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

meteo

SASSARI. È iniziata la prima intensa ondata di caldo dell’estate 2018. Da due giorni la Sardegna è stretta nella morsa della calura con temperature che hanno sfiorato, e probabilmente oggi...

SASSARI. È iniziata la prima intensa ondata di caldo dell’estate 2018. Da due giorni la Sardegna è stretta nella morsa della calura con temperature che hanno sfiorato, e probabilmente oggi supereranno, i 40 gradi. Secondo i dati forniti dall’Arpas, il record ieri lo ha raggiunto Ottana, nel Nuorese, dove il termometro ha raggiunto i 38 gradi, seguito dal Sassarese con 37. La situazione rimarrà invariata anche oggi. «Sulla Sardegna si potranno raggiungere temperature che supereranno i 35 gradi in maniera sparsa e in alcune località si potranno superare i 40», si legge nell'avviso in cui si consiglia alla popolazione di «non uscire nelle ore più calde, dalle 12 alle 18, soprattutto i soggetti a rischio. In generale consumare pasti leggeri e mangiare molta frutta, bere adeguatamente evitando alcolici e caffeina».

Alla centrale operativa del 118 ieri sono arrivate decine di telefonate per malori dovuti alle alte temperature: soprattutto anziani che accusavano capogiri, calo di pressione e svenimenti. Anche oggi sarà una giornata da bollino rosso per tutta la Sardegna: la Protezione civile, infatti, proprio per le alte temperature, ha emesso un bollettino per pericolo di incendi.

Ieri ci sono stati tre roghi, per fortuna senza conseguenze. Quelli sviluppatisi in provincia di Cagliari, a Selargius, Settimo San Pietro e Villacidro, sono stati subito spenti dalle squadre a terra della Protezione civile e del Corpo forestale, mentre a Isili è dovuto intervenire un elicottero della flotta regionale.

La Protezione civile regionale ha prorogato fino a oggi l’allerta per pericolo di incendi. Le zone più a rischio sono il Sulcis, parte del sud Sardegna e dell’Oristanese, le zone interne del Nuorese e del Sassarese, e la Gallura.

L’alta pressione comincerà a ritirarsi solo nella tarda serata di oggi. Inizialmente solo al Nord, con aria più fresca e rovesci sulle Alpi, in Liguria e in Val Padana. Poi, nei primi giorni della prossima settimana, un graduale abbassamento delle temperature potrà interessare anche la Sardegna.