Volo da Londra cancellato Bruno: i sardi penalizzati

Diretti ad Alghero, da sabato sono bloccati all’aeroporto londinese di Stansted Il sindaco: «È un comportamento inaccettabile, i passeggeri vanno rispettati» 

SASSARI. Due giorni da incubo per i passeggeri diretti da Londra ad Alghero con la compagnia irlandese Ryanair. Prima lo sciopero di giovedì con centinaia di voli cancellati in tutta Europa, poi venerdì un temporale violentissimo che si è scatenato sull’aeroporto di Stansted e che ha costretto la compagnia ad annullare diversi collegamenti. «Questo problema, unito alla carenza di personale della torre di controllo, non dipendenti da noi, hanno causato ulteriori ritardi e cancellazioni anche il 28 luglio», si è giustificata la compagnia low cost.

Così sabato scorso i passeggeri in partenza da Londra e diretti ad Alghero sono rimasti bloccati all’aeroporto di Stansted: il volo è stato cancellato all’improvviso. «Il comportamento di Ryanair è inaccettabile – protesta il sindaco di Alghero, Mario Bruno – La compagnia ha cancellato il volo Londra-Alghero di sabato scorso senza dare alcuna motivazione plausibile ai tanti passeggeri già in fila per il check-in. I sardi che probabilmente non riusciranno a essere riprotetti nei voli successivi, con disagi incredibili, non possono essere trattati in questo modo così vergognoso. Abbiamo esaltato il lavoro della compagnia irlandese per il flusso di traffici generati negli ad Alghero – continua Bruno –, siamo intenzionati a stringere ancora di più i rapporti, ma occorre un atteggiamento più rispettoso dei passeggeri e dei loro diritti. Così proprio non va. Naturalmente ogni passeggero avrà diritto alla compensazione economica prevista dalla carta dei diritti, ma nessuno può eliminare i disagi subiti soprattutto da chi vive in un’isola, come la Sardegna»

Il volo Londra-Alghero di sabato scorso non è stato comunque l’unico ad essere cancellato. Quello diretto a Milano Malpensa è stato annullato per due giorni consecutivi, il 26 e 27 luglio. Trenta ragazzini milanesi dai 13 ai 17 anni, in vacanza studio in Inghilterra, sono stati addirittura costretti a rientrare in Italia via terra, dopo essere rimasti bloccati per tre giorni all’aeroporto di Stansed.

Intanto Codacons ha presentato un esposto in 28 procure
italiane, comprese quelle di Sassari e Cagliari, dopo le dichiarazioni del direttore marketing della compagnia che ha annunciato che non concederà alcuna compensazione pecuniaria ai passeggeri, neanche quando gli aerei sono rimasti fermi sulla pista a causa dello sciopero del personale.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro