Allerta ponti in Sardegna, ecco la mappa di quelli a rischio

Dopo la tragedia di Genova si fa il punto sulla situazione nell'isola. I cavalcavia sotto osservazione: Siligo, Ula Tirso e Mamoiada

SASSARI. Il crollo di Genova ha acceso i fari su ponti e viadotti di tutta Italia. Sardegna compresa. La situazione viene tenuta in costante monitoraggio dall'Anas. Per il biennio 2018-19 la società delle strade ha previsto 435 milioni di interventi nell'isola. Di questi interventi alcuni saranno avviati già entro il 2018. In particolare sulla 131, in corrispondenza di due strade provinciali che conducono a Ploaghe, due ponti saranno interessati da un intervento di manutenzione straordinaria, già finanziato interamente. Nella mappa dei ponti a rischio il Cnr ha inserito anche quello di Mesumundu, nel territorio comunale di Siligo, dove proprio all'inizio dell'estate sono iniziati i lavori attesi da un decennio.

Un altro ponte sotto osservazione è il Cheia, nel Nuorese. Piloni con gli scheletri di ferro arrugginito che sporgono dal cemento di uno dei viadotti sulla strada statale 389. Osservato speciale a Ula Tirso è il viadotto di Santa Chiara, che collega le sponde del lago Omodeo. Il ponte presenta un abbassamento della prima campata che non minerebbe la stabilità ma richiede un intervento strutturale e ha di fatto imposto limitazioni al traffico pesante.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

Allerta ponti, il cavalcavia di Mesumundu a Siligo SASSARI. La situazione dei ponti viene tenuta in monitoraggio dall’Anas che per il biennio 2018-19 ha previsto 435 milioni di interventi nell’isola. In particolare sulla 131, in corrispondenza di due strade provinciali che conducono a Ploaghe, in due ponti è prevista manutenzione straordinaria. Nella mappa dei cavalcavia a rischio il Cnr ha inserito anche quello di Mesumundu, a Siligo (video Ivan Nuvoli)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro