«Il modo in cui si vive la malattia è indice dell’amore che offriamo»

Ecco il testo della lettera inviata dal Vaticano a Paolo Palumbo, il giovane oristanese colpito da sclerosi laterale amiotrofica. Caro Paolo, con premuroso e affettuoso pensiero, l'amato papà ha...

Ecco il testo della lettera inviata dal Vaticano a Paolo Palumbo, il giovane oristanese colpito da sclerosi laterale amiotrofica.



Caro Paolo, con premuroso e affettuoso pensiero, l'amato papà ha confidato al Santo Padre la forza d'animo e il coraggio che ti sostengono nell'affrontare l'ardua prova che la vita ti ha riservato, chiedendo il sostegno della Sua preghiera. Paternamente colpito da quanto appreso, Papa Francesco esprime commossa vicinanza e assicura un fervido ricordo all'Altare.

Mentre chiede il favore di pregare per Lui, desidera far giungere a te e ai familiari l'eco della Sua spirituale presenza e il dono di un'amicale parola, quale sostegno di viva compartecipazione al cammino quotidiano.

Rivolge pertanto il caloroso invito a porre ogni fiducia nell'Amore Misericordioso di Gesù rammentando che “il modo in cui viviamo la malattia e la disabilità è indice dell'amore che siamo disposti a offrire. Il modo in cui affrontiamo la sofferenza e il limite è criterio della nostra libertà di dare senso alle esperienze della vita, anche quando ci appaiono assurde e non meritate. Sappiamo che nella debolezza possiamo diventare forti e ricevere la grazia di completare ciò che manca in noi delle sofferenze di Cristo, a favore della Chiesa suo corpo; un corpo che, ad immagine di quello del Signore risorto, conserva le piaghe, segno della dura lotta, ma sono piaghe trasfigurate per sempre dall'amore”.

Nel riporre ogni intenzione “sotto il Manto di grazie della Madonna”, Sua Santità impartisce di cuore la Benedizione Apostolica, che volentieri estende ai genitori, al fratello e alle persone care, accompagnando tale gesto con l'accluso
dono appositamente benedetto, e con l'augurio che lo Spirito Santo conceda a tutti fortezza, serenità e feconda pace interiore.

Anch'io ti saluto cordialmente, augurando ogni bene nel Signore.



Monsignor Paolo Borgia

(Assessore)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro