Incidente a Sanluri, morto un 55enne

Scontro frontale, la vittima è di San Gavino. In ospedale una 32enne di Assemini

SANLURI. Un salto di corsia e sulla statale 197, fra Sanluri e Villacidro, c’è stata ieri pomeriggio una nuova tragedia della strada. Nello scontro frontale fra due auto è morto sul colpo Cesare Canepa, 55 anni di San Gavino, installatore di impianti elettrici civili e industriali, mentre una donna 32enne di Assemini, Michela Medda, che viaggiava sull’altra vettura coinvolta, è rimasta ferita in maniera grave, ma non sarebbe in pericolo di vita. È stata portata con l’eliambulanza del 118 all’ospedale Brotzu di Cagliari, dove è ricoverata con prognosi al momento riservata. A causare la tragedia potrebbe essere stato il sole frontale che ha abbagliato Cesare Canepa, diretto da Sanluri verso San Gavino, facendogli perdere per qualche istante la percezione visiva della strada proprio nel momento in cui, in senso contrario, sopraggiungeva l’altra macchina, la Clio guidata dalla ragazza. Quest’ultima è finita poi fuoristrada, in un campo incolto, mentre l’auto della vittima si è arrestata sulla carreggiata, nel punto della opposta corsia di marcia in cui è avvenuto l’impatto. Sembrerebbe evidente – dalla posizione delle auto e dai rilievi tecnici nella ricostruzione della dinamica dell’incidente da parte della polizia stradale – che a fare il salto di corsia sia stata la Scenic della vittima. La tragedia è avvenuta intorno alle 15 in un tratto di rettilineo della “197”, dove diventa invitante schiacciare sull’acceleratore. Cesare Canepa, alla guida della sua Renault Scenic, era diretto da Sanluri verso San Gavino quando – o per il sole che lo ha abbagliato o per una distrazione, ma non è da escludere un malore – ha invaso l’opposta corsia di marcia mentre sopraggiungeva la giovane di Assemini al volante della sua Clio. Lo scontro è stato devastante, con la Scenic che è rimasta sul punto dell’impatto, mentre la Clio è finita fuori strada arrestandosi in un campo adiacente. I conducenti sono rimasti entrambi incastrati fra le lamiere delle rispettive macchine e per consentire i soccorsi da parte del 118 i vigili del fuoco
di Sanluri hanno dovuto tagliare le lamiere con smeriglio e cesoie idrauliche. Ma per Cesare Canepa non c’era più niente da fare, mentre la giovane di Assemini è stata trasportata con l’elisoccorso del 118 all’ospedale Brotzu di Cagliari. Ha riportato principalmente ferite alle gambe.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro