Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Rischia di annegare, salvato dal bagnino

Un 79enne ha avuto un malore nella piscina di un albergo di Cala Liberotto  

OROSEI. A due giorni dalla tragedia del piccolo Richard Mulas, un turista di 76 anni di Alessandria ha rischiato di annegare nella piscina di un albergo di Cala Liberotto. Solo il provvidenziale intervento del bagnino dell’Hotel Cala Ginepro gli ha salvato la vita.

L’episodio si è verificato intorno alle 17. La comitiva di anziani, giunta dalla penisola in giornata, aveva deciso di trascorrere alcune ore nella vasca dell’albergo prima di iniziare a godersi il mare della costa orientale dell’isola. Il 76enne si è immerso ma dopo qualche minuto, probabilmente a causa di una arresto cardiaco, ha perso conoscenza. Gli amici hanno visto subito che l’uomo era in difficoltà e anche il bagnino della struttura alberghiera, accortosi che qualcosa non andava, si è immediatamente buttato in acqua. Ha recuperato il corpo del pensionato e una volta riportato a bordo vasca ha cercato di rianimarlo praticandogli la respirazione bocca a bocca, in attesa dell’arrivo dei soccorsi. Sul posto sono giunti gli operatori della Mm Soccorso di Orosei che hanno preso in consegna l’anziano. L’uomo si è ripreso subito ma era in forte stato confusionale. Una volta stabilizzato dall’équipe medica, il paziente è stato trasportato in codice rosso con l’elisoccorso all’ospedale San Francesco di Nuoro. Le sue condizioni di salute non sarebbero preoccupanti anche se i medici del nosocomio barbaricino lo manterranno in osservazione.

Sul posto sono giunti i carabinieri della caserma stagionale e gli agenti della polizia municipale di Orosei. (k.s.)