Lotta all’inquinamento, Costa nell’isola

Il ministro dell’Ambiente parteciperà a una esercitazione alla Maddalena 

LA MADDALENA. Un’esercitazione antinquinamento per testare la macchina dei soccorsi in caso di incidente in mare. Verrà simulato l’urto di una nave cisterna in avaria contro gli scogli della secca dei Monaci, a Caprera. Un impatto che farà sversare in mare 200 tonnellate di sostanze inquinanti, che verrà sostituito da lolla di riso, prodotto organico appetibile per i pesci. L’esercitazione, alla quale parteciperà anche il ministro all’Ambiente, Sergio Costa, arrivato ieri a Olbia e accolto dall’assessore regionale Donatella Spano e dal direttore marittimo del nord Sardegna, Maurizio Trogu. L’iniziativa è organizzata nell’ambito dell’Accordo Ramoge stipulato nel 1976 da Italia, Francia e Principato di Monaco, per il coordinamento degli interventi di tutela del mare in caso di sversamento di prodotti petroliferi e sostanze pericolose nell’area tra Marsiglia e le coste del Lazio, comprese Corsica e Sardegna. Con cadenza regolare i tre stati organizzano a turno un’esercitazione per testare l’efficacia del piano di cooperazione antinquinamento. Per l’Italia entreranno in azione mezzi navali specializzati nell’antinquinamento, unità marittime e aeree della Guardia costiera, un pattugliatore navale della Marina e un elicottero
dei Vigili del fuoco. Per la Francia saranno impiegati un mezzo navale e un aereo. Interverranno anche una nave dell’ Agenzia europea per la sicurezza marittima e un aereo della Spagna. Il Cnr studierà lo spostamento della macchia inquinante con un programma di simulazione. (a.n.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro