La Regione a Londra va a caccia di sposi

L’assessorato al Turismo alla fiera internazionale del settore wedding. In vetrina sei operatori e sei Comuni isolani con le loro location da sogno

SASSARI. La Sardegna grande protagonista, a Londra, al National Wedding Show, la fiera internazionale dedicata al turismo matrimoniale. L’obiettivo è convincere sempre più stranieri a scegliere l’isola come cornice del giorno più importante della loro vita, quello delle nozze. L’anno scorso i matrimoni sono stati 150, per un giro d’affari che ha superato quota 8 milioni di euro. Ma si può fare molto di più.

«Dopo l’esordio dello scorso anno come ospiti nello spazio Enit – dice Barbara Argiolas, assessora del Turismo, Artigianato e Commercio – Ci presentiamo per la prima volta a Londra con uno stand dell’Assessorato del Tursimo, nel quale sono accreditati operatori turistici e amministrazioni comunali isolane».

Il National Wedding Show, aperta fino a domani, è una delle più importanti fiere di settore a livello mondiale, che vede la partecipazione di espositori provenienti da ogni parte del mondo. Ad affiancare la Regione, in qualità di co-espositori, ci sono sei operatori (cinque del ricettivo e un wedding planner) e sei comuni (Cagliari, Pula, Arbus, Castelsardo, Gonnesa e Loiri Porto San Paolo).

«La Regione – dice ancora Argiolas – crede nel segmento wedding, così come in tutti quei settori di nicchia capaci di accrescere il valore della nostra isola, aumentarne la notorietà e soprattutto generare importanti ricadute economiche. Il turismo matrimoniale è in forte crescita in Italia e in Europa, in Sardegna ha grandi potenzialità di sviluppo grazie alle sue tante locations suggestive, promosse dai comuni presenti, e alle professionalità presenti nell’isola. Siamo ancora agli inizi, questo è vero, ma l’interesse cresce e stiamo lavorando in sinergia con enti locali e operatori per far conoscere la Sardegna come destinazione ideale per matrimoni suggestivi e di qualità e guadagnare quote sul mercato internazionale».

L’assessorato del Turismo sta puntando molto sul wedding . «Un matrimonio ha bisogno di atmosfere suggestive – spiega l’assessora – ma soprattutto di competenze specifiche in settori non propriamente di carattere turistico. Per questo nei mesi scorsi abbiamo seguito tre principali linee d’azione: prima di tutto, la partecipazione a importanti eventi di settore nazionali e internazionali per far conoscere e promuovere la Sardegna come wedding destination; poi l’organizzazione di workshop ed educational tour con gli operatori stranieri; infine il lavoro di formazione col personale degli enti locali, in modo da essere pronti a dare adeguata assistenza a chi vuole organizzare
in Sardegna il proprio matrimonio. La bellezza dei nostri territori, la cultura dell’ospitalità che ci caratterizza, la professionalità degli operatori sono elementi che ci fanno essere positivi sulla possibilità che questo tipo di turismo possa crescere nei prossimi anni».



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare