Lite tra fratelli finisce a coltellate

Oschiri, Alberto Putzu è stato raggiunto da un fendente all’addome: è grave

OSCHIRI. Ha accoltellato il fratello maggiore al culmine di un litigio per futili motivi, dopo accuse reciproche forse ingigantite da qualche bicchiere di troppo. Callisto Putzu, 51 anni di Oschiri, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Ozieri con l’accusa di tentato omicidio e trasferito nel carcere sassarese di Bancali. Il ferito, Alberto Putzu, 54 anni, ha riportato lesioni importanti all’addome (un taglio profondo che ha richiesto un intervento chirurgico urgente all’ospedale di Sassari) ed è ricoverato in prognosi riservata al “Santissima Annunziata”.

Secondo la ricostruzione effettuata dai militari della compagnia di Ozieri guidati dal maggiore Umberto Riveti, la lite è scoppiata intorno alle 16,30 nell’abitazione di via Piave a Oschiri dove i due fratelli (entrambi celibi) convivono. Dopo avere pranzato assieme e bevuto qualche bicchiere di troppo, avrebbero avuto un diverbio che potrebbe essere stato causato proprio dall’abuso di sostanze alcoliche. A un certo punto della discussione Callisto Putzu sarebbe andato in escandescenze e dopo aver preso un coltello da un cassetto della cucina, ha colpito all’addome il fratello Alberto. Appena è scattato l’allarme - con una chiamata arrivata alla centrale operativa del 112 - in via Piave sono arrivati i carabinieri e gli operatori del 118. Il ferito è stato trasportato all'ospedale di Sassari con l'elisoccorso. I medici lo hanno sottoposto a un intervento chirurgico urgente che
è riuscito ma la prognosi resta riservata. Callisto Putzu, dopo le formalità espletate nella caserma dei carabinieri, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e in serata trasferito nel carcere sassarese di Bancali a disposizione dell’autorità giudiziaria. (g.b.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller