Mille siti inquinati: il piano della Regione parte da Porto Torres e La Maddalena

Le strategie illustrate dall'assessora regionale all'ambiente Donatella Spano a Sassari

SASSARI. Sono mille e quattro i siti inquinati censiti dalla Regione e inseriti nel Piano di bonifica delle aree contaminate della Sardegna. I contenuti sono stati illustrati a Sassari, nell'auditorium del Carmelo, dall'assessora alla Difesa dell'ambiente, Donatella Spano, accompagnata dalla dirigente dell'assessorato, Daniela Manca, e dai tecnici e funzionari che hanno lavorato alla stesura del documento. Fra questi 1004 siti, 404 sono stati censiti come discariche di rifiuti, 151 come siti minerari, 257 come depositi di carburanti, 169 come siti industriali, nove come siti militari e 14 classificati in altro modo.

Ogni sito è stato analizzato e catalogato in base alle caratteristiche geofisiche e al tipo di inquinamento in atto, quindi sono state definite le priorità di intervento, stabilite in virtù di una fitta griglia di parametri, fra cui la natura delle sostanze inquinanti presenti, la vicinanza alle aree residenziali e la presenza di rifiuti da asportare. I siti industriali ad alta priorità di intervento sono 21, e tra questi spiccano Porto Torres, Assemini e Portoscuso. I siti minerari nell'elenco ad alta priorità sono invece 28, tutti nel sud Sardegna, tranne uno a Gadoni. Poi ci sono due depositi di carburanti, quello Esso a Porto Torres e quello Q8 a Villasor. Infine nella lista di interventi urgenti figurano altri quattro siti, tre a Portoscuso (strade Waeltz, area lagunare Boi Cerbus e le zone esterne al polo industriale) e uno Sant'Antioco (aree esterne allo stabilimento ex Seamag).

A GIORNI LE BONIFICHE A LA MADDALENA - Questione di giorni e a La Maddalena potranno iniziare le operazioni di bonifica nell'ex Arsenale. Lo ha annunciato a Sassari l'assessora regionale dell'Ambiente, Donatella Spano, a margine dell'incontro per la presentazione pubblica del Piano di bonifica delle aree contaminate della Sardegna, adottato lo scorso luglio dalla Giunta Pigliaru. "La Regione ha già delegato il Comune di La Maddalena, l'appalto per i lavori di bonifica è stato già aggiudicato e entro pochi giorni si dovrebbe firmare il contratto - ha spiegato l'assessora - La firma era prevista la scorsa settimana ma è slittata, ora ci aspettiamo che si faccia prestissimo".

Resta però da chiarire chi, fra Comune e Regione, sarà il soggetto attuatore incaricato di firmare i contratti per le bonifiche. La settimana

scorsa il presidente della Regione Francesco Pigliaru, durante un sopralluogo a La Maddalena, aveva annunciato di aver sollecitato al governo nazionale l'indicazione del soggetto attuatore, in modo fa poter avviare i lavori di ripristino ambientale nelle aree del mancato G8 del 2009.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller