Guerra dei traghetti, Grimaldi: "Noi siamo pronti a far viaggiare i sardi gratis"

Alla convention del gruppo in corso ad Atene l'armatore rilancia la sfida contro Onorato e la continuità territoriale che lo Stato finanzia alla Tirrenia

ATENE. Grimaldi rilancia la sfida a Onorato: pronto a fare viaggiare gratis i sardi in cambio della metà dei soldi previsti dalla convenzione Tirrenia. Ma lui in realtà dallo Stato non vorrebbe nulla. Neanche un centesimo. E nulla, a suo dire, dovrebbero ricevere le altre compagnie.

Lui lo chiama il "modello spagnolo", ma così accade anche in Grecia. E proprio dalla costa di Atene, dove è in corso la 22esima edizione della convention del Gruppo, l'amministratore delegato Emanuele Grimaldi ribadisce la posizione della sua compagnia sulla continuità territoriale.

Con un'inevitabile presa di posizione anti Onorato. Ma non solo l'armatore se la prende con mister Moby. Sotto accusa finiscono tutti i partiti che avrebbero ricevuto contributi da Onorato. E nel contempo Grimaldi strizza l'occhio alla maggioranza di governo giallo verde: i soldi risparmiati dalla convenzione

Tirrenia si potrebbero investire sulla sicurezza e sul reddito di cittadinanza. Insomma, la guerra dei mari continua

IL SERVIZIO SUL GIORNALE IN EDICOLA E NELLA VERSIONE DIGITALE

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare