Air Italy, puoi scegliere il posto ma lo paghi

A 28 ore dalla partenza il passeggero non ha alternative: il check-in on line impone la tariffa di 3 euro

SASSARI. La prima a fare pagare i posti a bordo è stata British Airways. Fino a quel momento l’assegnazione era nelle mani della discrezionalità dell’operatore al banco del check-in. Dall’ottobre 2009 la compagnia di bandiera inglese, alle prese con problemi di cassa, aveva introdotto un tariffario per la scelta della poltrona desiderata che, ai tempi, poteva arrivare a costare fino a 60 sterline. Solo nelle ultime 24 ore prima dalla partenza l’assegnazione era gratuita, ma il passeggero doveva accontentarsi dei posti rimasti liberi. Oggi sono tante le compagnie che hanno deciso di fare pagare il posto a sedere. Tra le ultime c’è anche Air Italy. Scelta legittima della compagnia, se non fosse che i 3 euro per la poltrona - che a seconda della posizione possono aumentare fino a 15 - sono diventati una tassa quasi obbligata per il passeggero.

Ma andiamo con ordine. Da qualche mese sul sito di Air Italy sono state introdotte le regole per fare il check-in on line. «Un servizio totalmente gratuito», tiene a sottolineare la compagnia sul sito. Ma solo fino a 28 ore prima della partenza. Air Italy, infatti, ha deciso di prevedere i posti a pagamento: 3 euro per quelli più economici, 15 per quelli più confortevoli. Poi, per chi non ha preferenze tra corridoio o finestrino, tra posti centrali o in fondo all’aereo, esiste la possibilità dell’assegnazione automatica. A costo zero. Da sette giorni fino a 28 ore prima della partenza. Le cose cambiano però proprio in quelle ultime 28 ore dal volo. Un arco di tempo in cui il check-in diventa a pagamento. Inevitabilmente. Sul sito, infatti, sparisce l’icona della assegnazione automatica e resta l’alternativa tra posti economici e posti confortevoli. Sempre e comunque a pagamento. Anche per chi, come spesso accade, decide di fare il biglietto qualche ora prima della partenza prevista.

«Una scelta commerciale», la definisce l’azienda, che ricorda che c’è sempre la possibilità di effettuare il check-in al banco dell’aeroporto. In quel caso senza sborsare un centesimo in più. Ma di questa possibilità il sito non ne fa parola. Anzi. Testualmente il sito dice: «Con Air Italy, la compagnia aerea ex Meridiana, il check-in on line deve essere sempre effettuato sia nel caso in cui si viaggi con il solo bagaglio a mano sia nel caso in cui si abbia la valigia da mettere in stiva. Nel secondo caso è comunque necessario recarsi presso i banchi Drop-off per la registrazione del bagaglio». Parole che non lasciano dubbi alla interpretazione: il check-in on line deve essere sempre effettuato che si abbiano o meno valige da imbarcare. Senza alcun riferimento alla possibilità di passare dal banco dell’aeroporto. Il che ha fatto credere a molti passeggeri che il check-in on line fosse la strada
obbligata per chi da Olbia viaggia per Roma e Milano. Tra l’altro voli in regime di continuità territoriale. Che in caso di check-in on line effettuato 28 ore prima della partenza aumentano inevitabilmente la loro tariffa di 3 euro a tratta. Il costo del posto a bordo. (al.pi.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community