Aggressione alla deputata: è un 38enne il denunciato

I primi riscontri arrivano dalle riprese delle telecamere del market

NUORO. Trentotto anni, iscritto nelle liste del centro per l’impiego, alcuni precedenti alle spalle. Ha un nome il presunto aggressore della deputata Cinque Stelle Mara Lapia, che ha denunciato di essere stata percossa sabato scorso da uno sconosciuto con il quale aveva appena avuto un alterco nel parcheggio del supermarket Lidl in via Don Bosco. «Un pregiudicato», ha detto genericamente nell’immediatezza dei fatti la parlamentare, al punto che una volta in Questura gli investigatori le avrebbero messo di fronte una serie di foto segnaletiche. Si chiama Daniele Imperatore, abita poco distante dal luogo in cui è avvenuto il fattaccio. Dopo il quale è stato denunciato per lesioni: esattamente quelle riportate nel certificato medico dell’ospedale San Francesco che assegna 30 giorni di riposo a Mara Lapia per «trauma toracico con infrazione della sesta costola sinistra da riferita aggressione». Trauma e infrazione provocati, secondo il racconto della deputata, da un violento spintone. Episodio che sarebbe confermato, secondo quanto scrive il Fatto Quotidiano on line, dalle prime risultanze dei filmati delle telecamere nel parcheggio della Lidl (in realtà si parla di una «manata» a un fianco).

Ieri la Nuova Sardegna ha cercato di mettersi in contatto con l’uomo per sentire la sua versione dei fatti, ma inutilmente. Al telefono di casa risponde, gentile e disponibile, una donna matura, probabilmente la madre che in base alle testimonianze lo accompagnava sabato mattina al supermercato.

Nel passato di Imperatore c’è un’assoluzione per un episodio avvenuto a Nuoro nel 2002 (l’aggressione di un pensionato). Episodio per il quale l’uomo, allora ventiduenne, nel 2005 è stato assolto dal tribunale di Nuoro per non aver commesso il fatto al pari delle altre cinque persone accusate dello stesso reato. Appena un anno dopo il processo, Imperatore è stato protagonista di un altro episodio. Una notte del marzo 2006 venne arrestato a Nuoro da una pattuglia della polizia con l’accusa di danneggiamento aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Intanto la deputata Mara Lapia ha ribadito in un’intervista a Repubblica on line la sua versione sull’origine della lite, nata dopo le sue lamentele verso una commessa del supermarket. A quel punto sarebbe intervenuto Imperatore, in fila nella stessa cassa. «Mi diceva "Ma ti levi! Sei puzzolente, dillo chi sei!" e altre offese pesanti – ha detto Mara Lapia –. Anche quella verbale è violenza. Non sono una maleducata, ma non sono una che subisce». A quel punto ha deciso di fotografarlo per denunciarlo e identificarlo. «Ho agito da donna di legge e invece, con il senno di poi, dico che visto come si evolvono le cose forse si dovrebbe scappare. Poteva evolversi in maniera ben più drammatica». In seguito, ha proseguito Mara Lapia, l’uomo «ha cercato di togliermi il cellulare, lo ha sbattuto per terra e lo ha preso a calci. Come ho detto alla polizia, non ha fatto gesti da boxe e non mi ha colpito il viso, me l'hanno chiesto
precisamente e ho sempre detto di no. Ho sentito degli spintoni, c'è stata una colluttazione». Poi ha raccontato la perdita di sensi e la caduta: «Se ci si sentono le mani addosso si ha paura, si è confusi. Mi sono appoggiata alla macchina, vedevo girare tutto, non ce la facevo più».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare