Neve su tutti i rilievi dal Nuorese al Goceano

Le temperature toccheranno anche i meno 5,5 gradi. Scuole chiuse in Barbagia e in Gallura

SASSARI. L’inverno più duro ha fatto irruzione in Sardegna, che nelle aree dell’interno sopra i 500 metri si è svegliata imbiancata e in molti casi i fiocchi hanno fatto la loro comparsa anche sotto quelle altitudini, persino a Sassari e Nuoro. Le aree più interessate sono stati i paesi di montagna del Nuorese e del Goceano dove ha continuato a nevicare e dove le temperature sono scese in alcuni casi sino a picco fino ai -5,5 gradi centigradi segnalati a Illorai. Ma anche sul Monte Acuto (Buddusò, Pattada, Alà) e sul Limbara, dove si è temuto per un 44enne disperso dopo essere rimasto bloccato durante un’escursione e ritrovato sano e salvo dai soccorritori (in contatto con lui via cellulare) dentro un anfratto nel quale si era rifugiato due notti fa.

Il problema più serio era rappresentato dal ghiaccio: dall’alba le strade sono diventate delle vere e proprie lastre e così alcuni sindaci hanno deciso di emanare l'ordinanza di chiusura delle scuole. Nel Nuorese niente campanella per gli studenti di Desulo, Fonni, Ollolai, Tonara e Gadoni. Niente lezioni anche nell'alta Gallura, dove le scuole sono rimaste chiuse a Bortigiadas e Tempio Pausania; banchi vuoti pure a Buddusò. In alcuni casi studenti a casa, ma per protestare contro il freddo: è successo nei licei cagliaritani Pacinotti e De Sanctis-Deledda, ma anche all’agrario di Siniscola.

In Barbagia sin dalla prima mattina hanno avuto il loro bel daffare i mezzi comunali spargisale, che avevano lavorato tutta la notte per rendere sicure strade come la Sp 7 (Desulo-Fonni), sulla statale che va da Sorgono a Gavoi e sulla Statale 295 da Tonara sino alla cantoniera di Ortuabis. La neve, come prevedibile, è caduta anche sulla statale 131 sull'altopiano di Campeda, nel Marghine (-2,9 gradi la temperatura segnalata a Macomer), percorribile solo con catene o pneumatici invernali come pure gli altri valichi. Coltre bianca anche in alcune aree del Sulcis-Iglesiente.

Per domani l’Arpas prevede cielo poco nuvoloso con aumento della nuvolosità a partire dal settore occidentale e possibili gelate mattutine; le temperature minime saranno stazionarie, le massime in lieve aumento; i venti deboli variabili tendenti al rinforzo e a disporsi dai quadranti occidentali, diverranno forti in serata sulle coste esposte; i mari saranno mossi o molto mossi con moto ondoso in aumento.

La tendenza per i giorni successivi vede le giornate di domenica e lunedì caratterizzate da cielo nuvoloso con associate probabili deboli precipitazioni. Le
temperature subiranno un aumento in entrambi i valori. I venti soffieranno moderati o forti occidentali o nord-occidentali. I mari saranno agitati o anche molto agitati nei bacini occidentali e sulle Bocche di Bonifacio, molto mossi i restanti mari dell’isola. (a.palm.)



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare