Un altro anno da record per l’aeroporto di Cagliari

Il “Mameli” supera i 4,3 milioni di passeggeri grazie al traffico internazionale. L’ad Scanu: decisivo l’incremento dei collegamenti invernali con l’estero 

CAGLIARI. Il picco massimo di passeggeri è stato registrato nella giornata del 1° settembre scorso con 22.851 unità nelle 24 ore. Ma è la solo la performance di punta di un’annata da record, quella appena conclusa per l’aeroporto di Cagliari. Il principale scalo sardo, intitolato a Mario Mameli, conclude il 2018 con 4.355.357 passeggeri tra arrivi e partenze e una crescita di traffico del 5%, nuovo record storico: ha chiuso infatti con 205.772 viaggiatori in più rispetto al 2017. I 4 milioni di utenti erano stati superati a novembre, in anticipo rispetto all’anno precedente (a metà dicembre fu raggiunto lo storico traguardo).

È stato il forte incremento del traffico internazionale (1.097.830 passeggeri totali sulle rotte estere, + 24,3%, miglior performance di sempre) a trascinare l’aeroporto gestito dalla società Sogaer verso una prestazione da ricordare e che compensano la lievissima diminuzione del traffico sulle rotte nazionali (-0,3%), le quali rappresentano pur sempre il maggior volume di attività con 3.257.527, tra arrivi e partenze.

I mesi di novembre e dicembre sono stati quelli con le percentuali di crescita più alte, rispettivamente +65,3% e +85,8%; ma in termini di crescita numerica, è settembre il mese con il maggior numero di biglietti staccati: 30.209 passeggeri in più rispetto al 2017. Numeri in rialzo sui voli low cost, che crescono del 23,7% nel segmento internazionale (per un totale di 831.640 passeggeri trasportati) e del 7,4% su quello nazionale (1.594.368 viaggiatori). Più contenuta la crescita delle rotte della continuità territoriale (Roma Fiumicino e Milano Linate), che incidono per la metà (il 49,5%) sul totale dei passeggeri nazionali: +4,4% (1.612.555 complessivamente tra arrivi e partenze).

Normale quindi che le rotte più gettonate siano quelle da e per Fiumicino (929.053 passeggeri) e Linate (684.265), quindi Bergamo Orio al Serio (344.977). Se guardiamo ai collegamenti con l’estero, quelle col maggior numero di passeggeri sono state Londra Stansted (130.140), Madrid (66.413) e Barcellona (62.154). Ma sono i viaggiatori tedeschi quelli che hanno fatto segnalare i volumi maggiori (241.295 viaggiatori con un incremento del 35,6%), seguiti dai britannici (194.634, +12,7%) e dagli spagnoli (191.976, +41,6%). Nella crescita del traffico rientra ampiamente anche quello di Aviazione generale con un importante +25,8%.

«Dopo aver consolidato gli ottimi risultati degli ultimi anni, nel 2018 siamo riusciti a superarli diversificando e ampliando l’offerta»: Alberto Scanu, amministratore delegato di Sogaer spiega che «oltre a crescere nella stagione estiva, da sempre il nostro forte, abbiamo puntato sull’inverno per proporre 10 nuove rotte internazionali. Da novembre a marzo sono ora 35 le città stabilmente collegate a Cagliari con voli di linea, di cui 17 estere. La scelta è stata evidentemente premiante, dato che negli ultimi mesi c’è stata una notevole crescita». Per l’Ad della società di gestione l’obiettivo del 2019 resta «lo sviluppo
sui mercati internazionali e l’aumento del numero dei collegamenti e delle frequenze, unitamente al miglioramento della qualità e della varietà dei servizi a disposizione dei viaggiatori in transito nel nostro scalo, sempre più vetrina di una Sardegna moderna e ospitale». (a.palm.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller