Export delle carni suine: a giugno la fine del divieto

Incidenza del virus sotto l’1%: stop dell’embargo per le aree non più contaminate. Pigliaru: «Risultato storico, successo raggiunto con un gran lavoro di squadra»

CAGLIARI. La peste suina è sconfitta, dopo quarant’anni di battaglie. Non è il solito annuncio, stavolta a capire che la Sardegna è a un passo dalla vittoria finale sono stati in molti. Dal ministero della salute, che ha provato persino a prendersi il merito, fino alla sempre diffidente Europa. L’altro giorno, a Bruxelles, la delegazione italiana ha strappato questa promessa: «Fra pochi mesi, nelle zone non più contaminate, cadrà il divieto all’export di carni suine sarde». Il lasciapassare definitivo dovrebbe arrivare a giugno. «È un risultato storico», ha commentato a caldo il governatore Francesco Pigliaru, «Con tanto impegno e un grande lavoro di squadra, senza indossare giubbini elettorali (il riferimento è a Salvini) ci manca davvero nulla per sconfiggere l’epidemia». A confermarlo è l’ultimo report dell’Unità di progetto per l’eradicazione coordinata dal direttore generale Alessandro De Martini.

Dopo aver abbattuto, dal 2015 fino a gennaio, 3982 maiali infetti, aumentato i controlli, messo in campo il Corpo forestale, fatto emergere buona parte degli allevamenti clandestini, e messi al bando con fermezza i pascoli allo stato brado, anche la Barbagia e l’Ogliastra sono state quasi liberate dalla peste suina. Oggi i Comuni ancora a rischio sono solo Aritzo, Fonni, Mamoiada, Orgosolo e Villagrande. Nelle altre aree più colpite, il tasso d’incidenza del virus è crollato invece sotto la soglia dell’uno per cento e anche fra i cinghiali, considerati da sempre il vettore della peste, la percentuale della malattia è stata quasi azzerata. Altri numeri: nel 2018 sono stati registrati solo cinque focolai, mentre nel triennio 2012-2014 erano stati ben 223, con il picco di 109 nel 2013, e 56 dal 2015 al 2017. «Se continuerà questa discesa verticale, saranno decisivi i prossimi mesi, e nel 2021 non ci saranno nuovi casi, potremmo dire che la peste suina si sarà autoestinta», ha detto Alberto Laddomada, direttore dell’Istituto zooprofilattico di Sassari. «Era proprio questo uno degli obiettivi del nostro programma di governo, nel 2014, e in sostanza l’abbiamo raggiunto. Oggi la soddisfazione, che condivido con tutta la squadra, è enorme». Tra l’altro la vittoria della Sardegna è arrivata nel momento in cui invece il Nord Europa e la Cina sono terrorizzati dalla diffusione della peste suina dalle loro parti. «Da villani d’Europa, siamo diventati i combattenti migliori», ha ribadito il governatore. Onori riconosciuti anche da Bruxelles, ha confermato Franco Sgarangella, che faceva dell’ultima delegazione italiana ricevuta a Bruxelles dalla Commissione contro le epidemie animali: «Anni fa i tecnici erano decisi a metterci alla gogna, l’altro giorno ci hanno fatto i complimenti». Anzi, c’è di più: «I nostri esperti cominciano a essere ingaggiati dalle altre Nazioni alle prese con la peste suina».

Poi Pigliaru ha ricordato che in passato «un attuale ministro della Repubblica (ancora Salvini) s’era scandalizzato perché ammazzavamo i maiali, per poi prendere a suo modo le difese di pastori e allevatori. Bene, invece dalla parte giusta c’eravamo noi e siamo stati noi a schierarci in questi cinque anni». Perché dopo aver vinto la resistenza delle comunità, e liberato i sindaci dalla preoccupazione di dover essere loro a ordinare gli impopolari abbattimenti, anche le ultime diffidenze sono crollate. «Qualche giorno fa – ha detto De Martini – ho partecipato a un’assemblea in cui la gente ci ha ringraziato». Appena arriverà il via libera dell’Europa per le esportazioni, la filiera del suino potrà diventare finalmente una ricchezza anche in Sardegna. Pigliaru ha detto: «A Estramadura, in Spagna, dopo aver sconfitto la peste suina, le aziende oggi fatturano 700 milioni di euro. E il
nostro prosciutto, lo dicono i gourmet, non è certo inferiore al Pata Negra, che è venduto 18 euro all’etto». A questo punto è come se si fosse spalancato un portone per gli oltre 14mila allevatori sardi di maiali. Ora il tesoro è davvero a un passo anche per loro. (ua)



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community