Continuità territoriale: Ryanair contesta la scelta della Sardegna e presenta ricorso

La compagnia irlandese si rivolge direttamente al presidente della Repubblica

SASSARI. Non c'è pace per la Continuità territoriale. Viaggiare per i sardi rischia di diventare sempre più un lusso. L'ultimo colpo di mortaio contro l'edificio giuridico costruito dalla Regione per consentire ai sardi di viaggiare su Roma e Milano lo tira Ryanair.

Il vettore irlandese ha presentato un ricorso al presidente della Repubblica in cui contesta il bando. In particolare ritiene che lo studio fatto dalle due università sarde di Cagliari e Sassari sui flussi di partenze e arrivi nei tre scali isolani non abbia basi scientifiche.

Ma al di là degli aspetti tecnici è il peso politico, della politica dei cieli, che diventa sempre più evidente. La Regione con grande pazienza e l'ostilità dell'Ue è riuscita a proporre un modello di continuità territoriale e ha coperto tutte e sei le rotte. Quasi un miracolo dopo la bocciatura del precedente bando e la distanza tra quello che chiedeva la Regione per garantire ai sardi il diritto alla mobilità e quello che pretendeva l'Europa, per cui il sacro principio della libertà dei mercati valeva molto di

più della possibilità di un popolo di non sentirsi prigioniero della propria isola.@LucaRojch@RIPRODUZIONE RISERVATA

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community