«Macellarli? Non ci riesco»

A 82 anni conduce una vita attivissima. Prima vendeva auto

OLBIA. Piero Azara è un allevatore atipico. Lui, per esempio, è uno che non mangia i suoi animali super selezionati. Gli dispiacerebbe troppo uccidere una mucca o un vitello tirati su con amore nelle sue terre. «Io non ho mai macellato un animale per casa mia – confessa – La carne la compro in macelleria, come fanno tutti. Sì, ho mangiato la carne di limousine, ma non quella degli animali cresciuti da me. Succede di affezionarsi. Io vendo quasi tutto per la riproduzione. Alcuni animali possono invece andare all’ingrasso, ma di sicuro non mangerò la loro carne».

Piero Azara, ottantatré anni da compiere, ogni giorno lavora nelle sue vaste tenute di Rudalza. Si sveglia alle sei del mattino e poco più tardi è già in mezzo ai suoi animali. «Nella vita ho fatto altro, visto che per diciannove anni ho venduto automobili Alfa Romeo. Ma a me piace stare in campagna, la mia famiglia è sempre stata qui».

L’allevatore di Rudalza ricorda che «grazie al lavoro con gli animali un tempo eravamo un po’ i riccastri
di Olbia – racconta – Con me si è arrivati comunque alla quinta generazione. Basti pensare che il mio bisnonno, nel 1882, autorizzò il passaggio nei suoi terreni della ferrovia che da Olbia porta a Golfo Aranci. Abbiamo ancora un documento originale a dimostrarlo». (d.b.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community