fiera del turismo 

Bit di Milano, un successo per l’isola

Lo stand dell’assessorato regionale preso d’assalto dai visitatori

MILANO. Si chiude oggi la Bit, la Borsa internazionale del Turismo di Milano, una delle maggiori fiere del settore del pianeta. Anche quest’anno è presente uno stand della Sardegna, meta sempre ambita dai viaggiatori di tutto il mondo. Con i punti di forza della sua offerta e con l’obiettivo di potenziare nuovi segmenti di mercato e nuove stagionalità, punti-cardine del piano strategico regionale del turismo Destinazione Sardegna 2018-21 varato di recente, la Regione si è presentata alla fiera, vero e proprio “termometro” della imminente stagione turistica, nonché indicatore sulle proiezioni 2020. L’assessorato del turismo è presente con 500 metri quadri all’interno del quale fa da supporto alla attività dei 59 operatori sardi accreditati per la promozione e la commercializzazione delle proposte di vacanze. Si tratta sia di aziende del settore ricettivo che operatori dei servizi turistici. All’interno dello spazio per gli operatori sardi è prevista una fitta agenda di incontri commerciali con buyer italiani e stranieri. Domenica la fiera era aperta al pubblico e lo stand della Sardegna si è riempito subito di visitatori, curiosi e operatori. Dal pomeriggio di domenica lo stand è diventato un business center, dove la domanda nazionale e internazionale entrano a contatto con l’offerta ricettiva e la proposta di prodotti tematici isolani, tramite appuntamenti
b2b prefissati. Nello stand spazio anche alla promozione di turismo slow, con Trenino Verde e Cammini, trekking e biking, nonché della mostra internazionale Le civiltà e il Mediterraneo, che sarà inaugurata il 14 febbraio al museo archeologico nazionale di Cagliari. (a.palm.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller