Rivolta del latte, il neo governatore Solinas: «La vertenza è prioritaria»

Il nuovo presidente della Regione: «Devo attendere la proclamazione e per rispetto istituzionale non posso convocare tavoli»

CAGLIARI. «Il rallentamento nel conteggio dei voti sta ritardando la mia proclamazione e non ho ad oggi i poteri e le prerogative di presidente della Regione. Questo non mi consente, per serietà e rispetto istituzionale, di convocare tavoli o incontrare delegazioni senza averne titolo ufficiale».

Lo dice il presidente in pectore della Regione Sardegna Christian Solinas, che risponde così ai pastori che nella riunione di ieri a Tramatza ( Oristano) avevano dato la sveglia alla politica regionale in vista del nuovo tavolo sul prezzo del latte in programma il prossimo 7 marzo. «Ciò premesso - prosegue - assicuro che il tema rimane tra le priorità nelle emergenze da affrontare con impegno non appena sarò a tutti gli effetti Presidente della Regione».

«Esprimo la mia solidarietà personale e politica ai pastori impegnati da settimane in una dura trattativa sul prezzo del latte e per il miglioramento delle condizioni del comparto - sottolinea ancora il leader sardista - Ho seguito e sto seguendo con attenzione il problema e ho, in tempi non sospetti, coinvolto i ministri Salvini e Centinaio che hanno portato la

vicenda a livello nazionale. Ma per il rispetto e la serietà che merita questa vicenda - conclude - ho evitato facili strumentalizzazioni in campagna elettorale e non ho mai fatto sfilate alle manifestazioni né partecipato ad alcun incontro con i rappresentanti dei pastori nei giorni scorsi».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller