la fabbrica di bombe 

Rwm, appello alla futura Giunta

Sit-in pacifista sotto la Regione: «Sì a progetti di riconversione»

CAGLIARI. La nuova Giunta e il nuovo consiglio regionale sono ancora lontani, ma hanno già ricevuto l'appello degli eco-pacifisti: basta con la fabbrica delle bombe, via alla riconversione dello stabilimento Rwm di Domusnovas. Teatro dell'ennesimo presidio è stato simbolicamente il piazzale davanti al palazzo della Regione di viale Trento. «Non facciamo sconti a nessuno – ha spiegato Angelo Cremone, di Sardegna pulita – ma cominciamo subito col dire che non siamo d'accordo con il nucleare. Noi vogliamo per la Sardegna uno sviluppo compatibile con il suo ambiente e con le sue bellezze». In primo piano i no alla fabbrica delle bombe di Domusnovas, sulla quale «noi continueremo sempre a dire no». E infatti in piazza Sorcinelli sono stati sistemati striscioni e cartelli già
visti nei precedenti sit-in davanti alla Regione, a Montecitorio e all'ambasciata saudita. Il messaggio che sintetizza tutto è «no al massacro nello Yemen». Concetti ribadito da Ennio Cabiddu: «Noi abbiamo proposte sensate per la riconversione, ma anche per l'energia e l'agroalimentare».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller