Cento chili di hascisc in camera da letto

Cagliari, blitz dei carabinieri a Sant’Elia. Due arresti, sequestrata droga per mezzo milione di euro

CAGLIARI. Il caveau dell’hascisc era in una camera da letto di un appartamento nel quartiere di Sant’Elia, in un palazzone di via Schiavazzi notoriamente quartier generale del traffico di stupefacenti. Nella stanza deposito c’era più di un quintale di hascisc già ben impacchettato e pronto per essere immesso nel mercato dello spaccio. I detentori dell’ingente quantitativo, del valore sulla piazza di circa 500mila euro, sono stati arrestati (due) e una denunciata in stato di libertà. In manette e nel carcere di Uta poi sono finiti i cagliaritani Fabio Lorrai e Manolo Piras, entrambi 28enni, e la compagna convivente del primo, la 38enne D.C. Sono stati incastrati con una irruzione nel loro appartamento dai carabinieri della stazione di San Bartolomeo e della compagnia di Cagliari, diretti dal maggiore Luca Vasaturo. Un blitz che ha bloccato una filiera dello spaccio a Sant’Elia e permesso uno dei più importanti sequestri di hascisc eseguiti negli ultimi anni in città. È ipotizzabile che i tre fossero però solo i custodi e che lo stupefacente sia di proprietà di trafficanti al momento nell'ombra. Da qualche giorno, grazie a un'assidua attività di controllo in uno dei quartieri più degradati del capoluogo con altissima intensità dello spaccio, i militari di San Bartolomeo, avamposto dell’Arma nella zona di Sant’Elia, sapevano dell’arrivo di un carico destinato a noti personaggi abitanti in via Schiavazzi. Tirando le somme delle informazioni avute e dei riscontri sul campo, gli investigatori hanno individuato il deposito della droga. Mercoledì sera sono passati all’azione facendo irruzione nell’appartamento individuato al terzo piano del palazzo che ormai conoscono perfettamente, così come sanno uno per uno chi ci abita. Fabio Lorrai, la compagna e Manolo Piras erano in casa e non hanno opposto resistenza e osservato i cani antidroga che come impazziti hanno puntato dritto su una delle stanze con la porta ben chiusa. Aprirla non è stato un problema ed è così che quella camera si è rivelata il deposito di quanto i carabinieri cercavano: 100 chili di hascisc suddivisi in più di mille panetti occultati in confezioni sigillate e marchiate. tutte racchiuse in bustoni neri. In casa c'erano anche una ventina di grammi di marijuana, un bilancino di precisione, due coltelli intrisi di stupefacente e materiale per il confezionamento della droga.

«L'ingente sequestro, che si aggiunge a quelli eseguiti nelle recenti settimane sempre dai militari della Compagnia – ha commentato il maggiore Vasaturo –
costituisce il risultato del quotidiano sforzo che il comando provinciale di Cagliari, attraverso le proprie articolazioni presenti in città , effettua nel contrasto al fenomeno della droga, sopratutto in quelle aree urbane del capoluogo in cui si registra un alto tasso di delinquenza».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller