agroalimentare 

Sei oli sardi nella guida Slow Food

Oggi e domani a Bologna l’ufficializzazione dei riconoscimenti

CAGLIARI. Sono sei gli oli della Sardegna che entrano nella Guida agli Extravergini 2019 a cura di Slow Food Italia. Riceverà il premio “Grande Olio” il Solianu–Bosana di Giuseppe Gabbas (Oliena); il “Grande Olio Slow” è stato invece assegnato al Semidana di Corte Olias (Escolca); al Gariga Ramine e al Gariga Birde di Su Molinu (Ottana); al Masoni Becciu Bio e all’Ispiritu Sardu Bio di Masoni Becciu (Villacidro). Oltre 120 in tutta Italia, nonostante una difficile annata in molte regioni, le produzioni segnalate. Segno di un settore molto attento e professionale, uno dei fiori all'occhiello del made in Italy. I riconoscimenti della pubblicazione, disponibile da fine aprile, saranno svelati a Bologna oggi e domani in occasione di Frantoi in festa, in collaborazione con Fico Eataly World. Grande
Olio è il premio attribuito all'extravergine distintosi per particolari pregi dal punto di vista organolettico e perché ben rispecchia territorio e cultivar. A queste caratteristiche, il premio Grande Olio Slow aggiunge il riconoscimento delle pratiche agronomiche sostenibili applicate.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller