Lavoratori Aras, sindacati preoccupati

Chiesto un incontro alla Regione: «Mai definiti i fondi per assorbirli in Laore»

CAGLIARI. Qualcuno comincia a pensare che i festeggiamenti per la soluzione della vertenza Aras, i quali dovrebbero culminare con l’assorbimento nell’organico in Laore di 249 tra veterinari e agronomi specializzati nell’assistenza alle aziende zootecniche, siano stati troppo frettolosi. È di ieri una nota congiunta di alcune segreterie regionali dei sindacati che si stanno occupando della vicenda (Enrico Lobina di Fp-Cgil, Giampaolo Spanu di uil-Fpl, Luciano Melis di Sadirs e Alvando Melis di Sias), nella quale si chiede un incontro urgente con gli assessori interessati (agricoltura, bilancio e personale), oltre che con Pigliaru e il direttore di Laore, Ibba. «Queste segreterie regionali, in seguito a preoccupanti notizie apprese in questi giorni – si legge – sulla mancata definizione degli stanziamenti economici a favore dell’Agenzia Laore per consentire la rapida attuazione della legge regionale 47/2018 (quella approvata il 19 dicembre 2018 che stabilizza i lavoratori Aras, ndc) chiedono un urgente incontro sull’argomento». I sindacati sollecitano anche «un diretto intervento nei riguardi dei commissari liquidatori dell’Aras, affinché ai dipendenti vengano tempestivamente riconosciute le spettanze arretrate oggetto della procedura al tribunale civile, e in modo che le somme versate all’Aras da Laore a compensazione dei servizi resi nel 2019 siano utilizzate prioritariamente per gli stipendi dello stesso personale». «Bisogna dare attuazione alla legge – spiega Lobina – i lavoratori
Aras hanno ormai un percorso ben definito di fronte a sé ed è compito dell’amministrazione far sì che venga completato. Sì, siamo preoccupati – ammette – perché più passa il tempo più si rischia che la fase della liquidazione si concluda senza certezze per 249 famiglie». (a.palm.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community