Pochi voli e prezzi alti: le vacanze di Pasqua in Sardegna sono a rischio

Per i non residenti differenze di costi tra i tre scali a causa del sistema misto. Su Olbia si paga di più, a Cagliari e soprattutto Alghero i posti scarseggiano

leggi anche:

SASSARI.
Prezzi pazzi, biglietti introvabili, compagnie aeree con la valigia, quasi 600 lavoratori sull’orlo di una crisi di nervi, un territorio – la Gallura – che vede volare via una delle sue principali industrie. Peggio di così forse non potrebbe andare: l'avvio del sistema ibrido, un po' vecchio e un po' nuovo targato Solinas-Toninelli, coincide infatti con la partenza della stagione turistica, tra le feste di Pasqua e i vari ponti che si allungano sino a maggio.

Per chi vive di turismo quello che sta accadendo in questi giorni ha il sapore di una polpetta avvelenata. Perché la Sardegna rischia, da ora e per i prossimi mesi, di trovarsi in questa situazione paradossale: a Olbia tanti voli – molti più di prima – verso Roma e Milano, con tariffa differenziata tra residenti e non (in alta stagione il prezzo può essere triplicato); a Cagliari ed Alghero tariffa unica e gli stessi voli di prima, dunque insufficienti soprattutto nella Riviera del Corallo che anche grazie al nuovo modello di Continuità sperava di uscire da un lungo periodo buio. Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

leggi anche:

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community