Sindacati edili: confronto positivo con Frongia

Feneal, Filca e Fillea chiedono al nuovo assessore una pressione su Anas perché sblocchi le risorse

CAGLIARI. I sindacati dei lavoratori edili della Sardegna e il nuovo assessore dei lavori pubblici, Roberto Frongia, si sono finalmente confrontati per la prima volta.

Le tre sigle hanno chiesto «una forte iniziativa dell'assessore nei confronti dell'Anas affinché sblocchi le ingenti risorse di cui dispone per migliorare la viabilità sarda e nel contempo dare ristoro alla forte richiesta di lavoro che viene dai disoccupati edili sardi».

L’incontro chiesto dai rappresentanti sindacali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil era incentrato soprattutto sulla condizione in cui versa il settore edile della Sardegna, «da oltre 10 anni – spiegano i segretari generali Marco Foddai, Giovanni Matta ed Erika Collu – dentro una crisi che ha comportato la perdita di oltre 30mila posti di lavoro e la scomparsa di più di 4mila imprese sarde». Una emorragia di posti di lavoro che per i sindacati deve essere fermata anche con il riavvio delle opere pubbliche. Due gli impegni che hanno chiesto all’esponente della giunta Solinas: la sottoscrizione di un protocollo che garantisca trasparenza, rispetto delle norme di legge e contrattuali, tutela del lavoro edile e qualità delle opere realizzate; e l’istituzione di un tavolo permanente con tutte la rappresentanze sociali e istituzionali per monitorare l’andamento del settore.

All’assessore è stato chiesto inoltre un intervento per favorire la spendita di tutte le risorse disponibili già indicate nelle finanziarie approvate in questi anni e mai spesi. Il sindacato degli edili, inoltre, ha sollecitato a Frongia un’iniziativa specifica per far ripartire i lavori nelle dighe di Montinieddu di Pula e Cumbidanovu di Orgosolo.

I confederali riferiscono che «l’assessore Frongia, all’interno della strategia che intende portare avanti per dare slancio al settore, ha rassicurato Feneal, Filca e Fillea circa la volontà di rilanciare il lavoro edile e il settore, impegnare tutte le risorse disponibili e soprattutto rafforzare la macchina burocratica/amministrativa
con l’intento di dare certezza e continuità alle attività edili». Le segreterie regionali affermano così di valutare «positivamente i contenuti focalizzati nel primo incontro con l’assessore e attendono di verificare l’avanzamento del confronto». (a.palm.)



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community