Cantine aperte, un week end fra vini e degustazioni

Tredici aziende sarde aderiscono all'iniziativa che ogni anno riscuote un grande successo

CAGLIARI. Tour tra i vigneti in bici, ape calessino o carrozza trainata da cavalli, degustazioni, laboratori, sonorità jazz e bossa nova tra i filari. Ritorna in Sardegna con un intrigante programma nel weekend del 25 e 26 maggio «Cantine Aperte», un appuntamento imperdibile per appassionati di enologia ed enoturismo. Occasione per toccare con mano quanta tecnologia, passione, competenza sia necessaria per produrre il vino. E prima ancora uve di pregio.

Organizzato dal Movimento Turismo del Vino, l'evento coinvolge quest'anno 13 aziende. In ognuna di queste saranno disponibili maestri di cantina, enologi, agronomi per informazioni e curiosità, e sarà ovviamente possibile assaggiare i vini, osservare macchinari e impianti per scoprire questo mondo anche attraverso la storia e le storie dei viticoltori. Alcuni al debutto di «Cantine Aperte».

«È il primo anno che partecipiamo - conferma Franco Madeddu, titolare dell'omonima cantina di Bosa - faremo conoscere le nostre migliori etichette, tra cui i vini di Malvasia di Bosa Doc, la nostra giovane azienda inaugurata nel 2016». Fine maggio è un periodo ideale per visitare con la giusta atmosfera e calma i luoghi di lavorazione di bianchi e rossi e scoprire il frutto delle ultime vendemmia ma anche del lavoro di annate precedenti.

«Credo molto in questa manifestazione, sia come presidente del Movimento Turismo del Vino Sardegna sia come titolare di una delle aziende che questo weekend apre le sue porte ad un crescente numero di enoappassionati - commenta Valentina Argiolas della cantina Argiolas di Serdiana - Le presenze sono in aumento di anno in anno, un ottimo risultato per tutto il turismo enologico. Cantine Aperte è un evento atteso insieme a Calici di Stelle ad agosto, frutto di un grande lavoro di squadra».

Daniela Pinna, titolare delle Tenute Olbios, mette in risalto come «nei secoli il vino sia stato sempre festeggiato. Il vino e la vendemmia visti come piacere dei sensi e del divertimento. È proprio così che vedo questo momento, un tuffo nel passato e nel presente per conservare il nostro patrimonio agricolo e storico. Un'occasione che grazie a Cantine Aperte si ripete di anno in anno, una grande festa, un rito propiziatorio che ci unisce, proprio come un tempo».

Le 13 aziende partecipianti sono: Argiolas www.argiolas.it; Audarya www.audarya.it; Antonella Corda www.antonellacorda.it; Cantine Aru www.cantinearu.it; Cantina Lilliu www.cantinalilliu.it; Cantina Sùentu www.cantinesuentu.it; Olianas www.olianas.it; Madeddu Bosa www.cantinamadeddu.com; Nuraghe Crabioni www.nuraghecrabioni.com; Sella & Mosca www.sellaemosca.com; Tenute Pili www.carlopili.it; Tenute Olbios www.tenuteolbios.com; Vigne Surrau www.vignesurrau.it.

Il programma. Sabato 25 maggio. Tenute Olbios di Olbia aperte dalle 11 alle 18. Sabato 25 e domenica 26 maggio. A Gergei la Cantina Olianas, sabato dalle ore 15 e domenica dalle ore 11 apre al pubblico e alle 17 in entrambe le giornate c'è la degustazione dei vini fermentati e affinati in anfora. Tenute Pili (Soleminis) apre sabato dalle 17:30 e domenica dalle 10:30 alle 18.

Domenica 26 maggio. Ad Arzachena, Surrau fa visite guidate in cantina dalle 11 alle 16.A Bosa, dalle 10 alle 20, la Cantina Madeddu Bosa accoglie i visitatori. Alghero, visite guidate nella giornata a  Sella & Mosca. Cantina Lilliu (Ussaramanna), aperta dalle 11 alle 19. A Serdiana, Antonella Corda apre le porte della sua azienda dalle 11.00 alle 19. Audarya, sempre a Serdiana, apre dalle 10 alle 20:30. Argiolas, e siamo ancora a Serdiana,

ospita dalle 11 fino alle 22. A Iglesias, dalle 10:30 alle 20:30, la Cantina Aru invita i visitatori. A Sorso a Nuraghe Crabioni, si parte domenica dalle 11. A Sanluri, dalle 11 alle 20 l'opportunità di scoprire la cantina di Su’entu.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community