Firmato l’accordo su Olbia tra Alitalia e Air Italy

Oggi l’ufficialità e i dettagli. Le due compagnie gestiranno i voli in continuità

CAGLIARI. La firma è arrivata dopo una trattativa lunga mesi. Alitalia e Air Italy divideranno lo stesso cielo intorno all’aeroporto di Olbia. Una convivenza di necessità. Coatta, tra due compagnie che non si amano e a lungo si sono contese lo scalo gallurese.

Il governatore Christian Solinas è riuscito nella complicata opera di mediazione. Ha presentato una proposta che dava garanzie a tutte e due le compagnie. Alitalia poteva garantire agli oltre 60 mila passeggeri che avevano già acquistato un biglietto di arrivare a Olbia con la compagnia di bandiera. Grazie al volo quotidiano per Roma e Milano. Air Italy aveva nelle sue mani il 90 per cento delle rotte e la garanzia che dal 1 settembre avrebbe gestito tute le rotte in Ct1 da Olbia.

Accordo che è stato limato dalle delegazioni delle due compagnie, fino ad arrivare a un accordo. La firma c’è già stata, i dettagli dell’accordo e l’annuncio ufficiale lo darà la Regione questa mattina.

Ma Alitalia e Air Italy fanno già sapere che la partita è chiusa.

Alitalia. Fonti della compagnia di baneira fanno trapelare una moderata soddisfazione. «Per quanto non ottimale si tratta di un’intesa che consente ad Alitalia di mantenere l’obiettivo strategico di volare su tutti gli aeroporti sardi e, per la prima volta, su Olbia. L’intesa inoltre consente di a migliaia di passeggeri che hanno già prenotato con Alitalia di raggiungere la sardegna con evidente beneficio per il turismo e dunque per l’economia dell’isola». Alitalia fa capire di avere accettato l’accordo per senso di responsabilità e con la garanzia di non perdere un euro da questa operazione. Visto anche che la compagnia è in amministrazione straordinaria.

Air Italy. Molto più loquace la compagnia sardo-qatariota, che in questa trattativa della continuità territoriale su Olbia poteva vedere compromesso molto del suo futuro nell’isola. «Air Italy è lieta di comunicare di aver raggiunto un accordo quadro con Alitalia e la Regione in relazione alle rotte di continuità territoriale di Olbia – scrive in un comunicato la compagnia –. I dettagli sono ancora in fase di definizione, ma l'obiettivo principale di Air Italy, di proteggere il proprio personale di Olbia e gli investimenti in Sardegna negli ultimi 50 anni, è stato raggiunto, grazie all'impegno dei propri azionisti».

Air Italy a lungo a messo in dubbio la permanenza della base della compagnia a Olbia senza le rotte della continuità per Roma e Milano.

Sul piatto i posti di lavoro dei 550 dipendenti della compagnia che rischiavano di essere trasferiti in altri scali, in particolare su Malpensa. Soddisfatto il Chief operating officer di Air Italy, Rossen Dimitrov. «Questo è stato indubbiamente un periodo molto impegnativo per tutte le parti – spiega Dimitrov –. Ma oggi, grazie all'impegno dei nostri azionisti e agli sforzi della Regione e di Alitalia, abbiamo raggiunto un accordo quadro che soddisfa le nostre esigenze principali: proteggere il personale, che conta oltre 500 dipendenti nella nostra sede di Olbia e permetterci di continuare servire la Sardegna come abbiamo fatto per più di mezzo secolo. Ora siamo in fase di definizione dei dettagli in modo da poter mettere in vendita i voli il prima possibile e permettere ai sardi e ai turisti una brillante stagione estiva 2019».

Ipotesi di accordo. Le compagnie non rivelano ancora i dettagli dell’accordo. Sul piatto c’erano gli orari in cui Alitalia deve fare i suoi voli su Roma e Milano. Ma anche la richiesta di Air Italy di dare alla compagnia rivale non uno ma due voli al giorno su entrambi gli scali.

Più un atto di necessità che di generosità. Air Italy dovrebbe garantire 4 voli al giorno per Roma a giugno che a luglio e agosto diventerebbero sei. E 5 voli al giorno per Milano che nei due mesi successivi passerebbero a sei. Ma la compagnia è rimasta a corto di aerei dopo che l’Enac, come gli altri enti di controllo del mondo, ha deciso di bandire dai cieli i Boeing 737 max, gli aerei su cui Air Italy aveva
puntato per potenziare la flotta. Per questo ha chiesto ad Alitalia di fare due voli al giorno su entrambi gli scali. La disponibilità della compagnia di bandiera è stata garantita per giugno. Luglio e agosto Alitalia farà un volo su Roma e uno su Milano.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community