Solinas: nell’isola molti modelli Barumini

Il governatore al forum del lusso spiega la sua idea per creare un turismo lungo dodici mesi

PORTO CERVO. Una rete di trasporti efficienti per rendere accessibile la Sardegna tutto l'anno. È uno degli ingredienti della ricetta acchiappaturisti del governatore Christian Solinas, insieme alla creazione di un marchio “destinazione Sardegna” da esportare.

Un modello di sviluppo che coniuga identità e luoghi. Una sfida per potenziare e migliorare la fruizione turistica dei territori oltre i mesi estivi, anche attraverso un nuovo patto sociale tra istituzioni, Stato e imprese. Come l'alleanza tra le regioni Sardegna e Liguria stretta al quinto Forum del lusso possibile di Federagenti a Porto Cervo.

Alla sua prima uscita in Gallura, Solinas spiega le linee di intervento per destagionalizzare il turismo e rilanciare l'economia. «Quanti modelli Barumini inespressi ci sono sull'isola – afferma il presidente -. Il sito dell'Unesco è un ottimo esempio di gestione dei siti archeologici. La Sardegna ha un quinto del patrimonio turistico archeologico d'Italia, con eccellenze in gran parte sconosciute. È uno dei segmenti sui quali puntare».

Sfidando il mercato turistico dei “non luoghi”, la promozione deve fare perno sul territorio. «Quello fatto dalle piccole eccellenze made in Sardegna – dice Solinas, rispondendo alle sollecitazioni del presidente di Federagenti, Gian Enzo Duci -. Un tessuto che va tutelato affinché conservi le sue peculiarità. Il lusso di oggi e di domani è la valorizzazione delle tradizioni e dei prodotti locali, che il visitatore può trovare solo nella nostra isola». Per il governatore, destagionalizzare significa disegnare un piano capace di attrarre persone e capitali, in cui le istituzioni giocano un ruolo di primo piano insieme ai portatori di interesse privati. Un cambio di passo che, all'indomani delle elezioni europee, Solinas chiede anche all'Ue.

«Promuovere l'Europa significa mettere a sistema il patrimonio identitario e culturale di ogni singolo stato membro – spiega –, bisogna ricreare il modello dei padri fondatori, perché alcune normative europee, anziché valorizzarle, tendono a cancellare le differenze di un Paese».

Nel suggellare l'alleanza tra Sardegna e Liguria, il governatore Giovanni Toti, ha evidenziato il problema di un nuovo sistema turistico che si basi su istituzioni che facciano le istituzioni, ma anche su imprese che abbiano il coraggio di investire. «In Liguria abbiamo eccellenze di formazione – afferma Toti –, vorrei inserire la figura di un “navigator” per ogni impresa intenzionata a investire. Va costruito un sistema di regole chiare. Servono certezze per i piani regolatori. Per creare un'autostrada del mare e del turismo bisogna riavvolgere il nastro della storia: la politica deve aiutare a favorire occupazione, il Pil potrebbe aumentare di tre punti. Se la Liguria è più destagionalizzata di altre regioni, la ricetta di sviluppo si basa su un sistema di emozioni e percezioni, il lusso non è solo champagne, ma anche una formaggella, perché è un prodotto tradizionale».

In tema di collegamenti da e per la Sardegna, la compagnia della balena blu sottolinea che va penalizzata la logica del mordi e fuggi di gruppi che abbandonano l'isola in bassa stagione per "spremerla" solo nei mesi in cui è remunerativo collegarla.

«Chi vuole venire in estate – dice l'ad del Gruppo Moby, Achille Onorato -, deve assicurare il servizio tutto l'anno, da qui dovrà muovere la nuova convenzione che deve riconoscere alla Regione un ruolo prioritario».

Riflettori puntati sull'ambiente al Forum del lusso, con una crociata contro le plastiche in mare. Tra i progetti illustrati, la sfida di Guido Bertolaso, già responsabile
della Protezione civile, che non solo ha presentato una onlus internazionale “A sea to live”, ma anche iniziative virtuose: da meccanismi rotanti lungo il corso dei fiumi per raccogliere plastiche, a navi sperimentali, sino a un sistema da applicare alle carena di oltre 500mila navi.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community