Bagnini nelle spiagge un milione ai Comuni

La giunta regionale ha stanziato i fondi a favore dei centri costieri Le quote maggiori a Sorso e Siniscola, escluse le aree affidate in concessione

SASSARI. Un milione di euro per i comuni costieri, fondi mirati a garantire la sicurezza sulle spiagge attraverso l’assunzione di bagnini e la dotazione di mezzi e strumenti necessari per soccorrere prontamente le persone in difficoltà. Rispetto all’anno scorso il tesoretto stanziato è lievitato di 200mila euro con un anticipo di spesa pari al 50% del totale e corrispondente a 503.109 euro. Inizialmente una buona parte dei comuni risultava escluso dalle assegnazioni per mancata presentazione delle domande o per averla inviata fuori tempo massimo. Successivamente la giunta regionale ha deciso di riaprire i termini ponendo come scadenza ultima per la presentazione il 5 giugno con l’obiettivo di contribuire alla sicurezza nel più alto numero possibile di centri costieri. In totale sono 73 i comuni costieri che possono beneficiare dei fondi, che vengono distribuiti tra quelli nei cui territori ricadono tratti di arenili, sono esclusi invece i tratti di scogli dove non è possibile collocare personale e dotazioni di sicurezza.

I fondi. Complessivamente la somma stanziata ammonta a 1milione6mila211,79 euro. La metà viene erogata subito, a inizio stagione, la parte restante quando gli ombrelloni si chiudono e i villeggianti tornano a casa. Con le somme erogate le amministrazioni potranno assumere bagnini per vigilare nei rispettivi tratti di spiaggia e dotarsi di mezzi di soccorso come pattini, moto d’acqua, ma anche attrezzature preziose come binocoli d’avvistamento, pallone Ambu (per intervenire in caso di difficoltà respiratorie), il baywatch (salvagente professionale), i cavi di sicurezza, le cassette di pronto soccorso e potranno anche allestire le torrette di controllo.

La distribuzione. Fondamentali nella spartizione delle risorse sono due elementi: lo sviluppo lineare degli arenili fruibili alla balneazione e la superficie non occupata dalla concessioni balneari, nelle quali le dotazioni di sicurezza sono in carico ai privati. Tra i Comuni che in virtù di questi due parametri hanno ricevuto le porzioni più consistenti di fondi ci sono Sorso nel Sassarese, Siniscola in Baronia, Muravera nel Cagliaritano e Arbus nel Medio Campidano. Hanno ricevuto rispettivamente 60mila, 45mila. 43,7 e 43mila euro. Tra i quattro centri è Sorso a godere del litorale più esteso: 23,7 chilometri, nei quali appena 400 metri sono occupati da concessioni balneari. Al Comune di Sassari, che ha litorali
molto ridotti, sono stati assegnati 7mila737 euro. Emblematico il caso di Olbia dove dei 14,4 chilometri di litorale addirittura 9,6 sono in concessione: per provvedere alla sicurezza nei restanti 4,7 chilometri di spiaggia la Regione ha assegnato al capoluogo gallurese 16mila263 euro.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community