Fibra ottica, la Tim assicura: nessun ritardo

La replica ai Riformatori: «Tempi rispettati, entro l’anno il servizio sarà disponibile in 150 comuni»

SASSARI. Non ci sono ritardi nel piano per la fibra ottica in Sardegna, anzi il servizio è già attivo in 31 Comuni. È la sintesi della replica di Tim e Infratel ai Riformatori che ieri hanno denunciato il digital divide che ancora affligge la Sardegna, con 140 Comuni in cui – nonostante i cavi della fibra ottica siano stati posati – la stessa è ancora spenta. Non solo: i Riformatori hanno anche evidenziato i ritardi più evidenti nelle cosiddette “aree bianche”, quelle cioé a scarsa convenienza economica per gli operatori perché a bassa densità demografica, sollecitando la Tim a intervenire per superare il gap. Tim e Infratel, partner nel piano nazionale digitale per la diffusione della banda ultra larga, precisano che le “aree bianche” procedono secondi i programmi stabiliti: entro l’anno saranno attivati 150 comuni e l’intero programma sarà completato entro la metà del 2020.

«Non sussistono al momento né ritardi né tantomeno situazioni di presunte inadempienze. Si tratta, infatti, di un vasto e complesso piano, il cui obiettivo è quello di superare il divario tecnologico nella quasi totalità delle suddette aree presenti nell’isola, che è già nella sua fase operativa: ad oggi, 31 comuni già usufruiscono del servizio e i collaudi tecnici stati effettuati complessivamente su 40 Comuni. Il cronoprogramma degli interventi prevede che entro il corrente anno il servizio verrà reso disponibile in circa 150 comuni, mentre l’intero piano sarà completato entro la metà del 2020. Va sottolineato che si tratta di un progetto che impatta in prevalenza su zone della Sardegna di tipo rurale e per la cui realizzazione è necessario acquisire i necessari permessi di scavo da parte degli enti competenti e ottenere gli allacci elettrici». E poi: «L’accordo tra TIM e Infratel rappresenta una virtuosa sinergia tra pubblico e privato, in coerenza con la strategia nazionale per la diffusione della banda ultralarga, e prevede un acquisto rilevante da parte di Timdi infrastrutture di fibra spenta realizzate da Infratel. L’intesa, che segue la logica dell’intervento con il modello diretto, accelerando in tal modo lo sviluppo delle reti ultrabroadband nelle “aree bianche” non oggetto di bandi, prevede una road map di attivazioni da parte di TIM conseguenti alla consegna della fibra ottica da parte di Infratel». La stessa Tim fornisce l’elenco del 31 comuni dell’isola oggetto del piano dove la fibra ottica è già “accesa”: Ardauli, Cardedu, Cargeghe,
Codrongianos, Collinas, Donori, Escalaplano, Escolca, Florinas, Genoni, Gergei, Lotzorai, Lunamatrona, Mores, Nuraminis, Nurri, Orroli, Osini, Pabillonis, Pauli arbarei, Samatzai, Samugheo, Sant'Andrea Frius, Serri, Siddi, Ulassai, Uras, Uri, Ussana, Villanovaforru, Villaspeciosa.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community