Ecologisti all'attacco: spiaggia di Tuerredda ferita

Spunta un palco sulla spiaggia e parte una richiesta di intervento alla Procura

TEULADA. Gruppo di intervento giuridico all'attacco, ma non solo l'associazione ambientalista. Anche semplici cittadini si sono detti indignati per quanto sta succedendo nella bella spiaggia di Tuerredda, dove è stato allestito un palco per uno spettacolo, occupando una parte consistente dell'arenile.

"Il 9 settembre 2019 è una data da ricordare per la salvaguardia della spiaggia di Tuerredda _ sottolinea il comunicato del Grig presieduto da STefano Deliperi _, ormai tristemente avviata verso un passato di gioiello ambientale del Mediterraneo e un presente di letamaio buono per il peggior degrado possibile".

"Non bastano gli stabilimenti balneari invasivi, il suk del commercio abusivo, gli olezzi gastronomici e dei parcheggi automobilistici _ prosegue il comunicato _, ora è comparsa anche un’installazione per spettacoli con tanto di palco e luci per la gioia festante di chissà chi. Manca soltanto il circo con gli Elefanti e lo scempio è completo"

L’associazione ecologista fa sapere di aver inoltrato un’immediata istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti per verificare la sussistenza o meno di eventuali assurde autorizzazioni.

"Coinvolti Comune di Teulada, Capitaneria di Porto, Corpo forestale e di vigilanza ambientale, Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, informata la Procura della Repubblica. Per salvare Tuerredda dal collasso ambientale definitivo _ conclude il comunicato _ sono necessari provvedimenti immediati quali il

numero chiuso giornaliero di auto e bagnanti, la riduzione dell’area di spiaggia in concessione demaniale per chioschi e stabilimenti e, soprattutto, vigilanza assidua sul rispetto di norme e autorizzazioni. Basta con questo vergognoso scempio continuo e istituzionalizzato!

 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community