La scoperta, nel sito di Mont'e Prama c'è una megalopoli da 16 ettari

Ranieri, il padre del georadar, rivela: «Sotto terra ci sono i resti di una città enorme». Con il sofisticato strumento individuate strade, case, templi e 120 tombe

SASSARI. Teoricamente dovrebbe essere la Pompei sarda. Più piccola, 16 ettari contro 44, ma anche molto più antica. Perché continuare a definire il sito di Mont'e Prama come una "semplice" necropoli, è sempre più complicato. Ne è convito il professor Gaetano Ranieri, che con il suo georadar ha scandagliato quella zona del Sinis, che lo ha sempre detto apertamente rimandando la lettura scientifica del sito a quando avrebbe presentato i dati raccolti dalle sue apparecchiature durante le ricerche. Che poi è quello che è successo ieri a Sassari, alla Fondazione di Sardegna, dove il professore ha letto pubblicamente il raccolto completato negli anni di permanenza nel sito. E i risultati sono impressionanti.

Il sito. Secondo la versione ufficiale della Soprintendenza ai Beni archeologici Mont'e Prama è un sito di 750 metri quadri in cui sono stati ritrovati decine giganti e di modelli di nuraghe, il betile più grande (2,30 metri) mai scavato in Sardegna, diverse tombe a pozzetto, reperti di ogni tipo e un complesso di quattro capanne. In totale si parla di 5178 frammenti di statue da cui è stato possibile individuare con esattezza una trentina di giganti e un numero simile di modelli di nuraghe. Secondo i dati geologici raccolti da Gaetano Ranieri, supportato dagli archeologi dell'Università di Sassari, le cose sarebbero decisamente più complesse. Innanzitutto, le dimensioni. Grazie a quella sorta di ecoscandaglio terrestre che è il georadar, Ranieri ha "letto" 16 ettari di terreno in cui ha trovato migliaia di "anomalie".

leggi anche:

Per quanto sia chiaro che ogni anomalia non debba per forza essere un ritrovamento epocale, ce ne sono alcune che sembrerebbero togliere ogni dubbio: «I nostri strumenti sono in grado di leggere il sottosuolo - ha spiegato Ranieri mentre illustrava le migliaia di immagini in tre dimensioni georeferenziate che ha mostrato ieri - e di scovare anomalie di ogni tipo. Non è raro fino a quando non ci si imbatte in quelle che abbiamo definito anomalie "organizzate". Nelle mie tabelle si vedono linee rette che sembrano strade, aree delimitate che possono essere lette come stanze di edifici, anche di grandi dimensioni. E sono riuscito a contare 140 metri di tombe ancora da scavare». Ranieri parla di una città, organizzata e popolosa. I modelli in 3D che ieri faceva ruotare sullo schermo sembravano confermare ogni sua parola. Per scavare un'area così vasta con i tempi con cui si sono mossi gli archeologici da quando sono saltate fuori le stature dei giganti servirebbero, secondo i calcoli di Ranieri, circa 4mila anni.

leggi anche:

Il georadar. Un affondo che potrebbe far storcere il naso ai puristi degli scavi archeologici ma che ha già superato la prova dei fatti. Sono molti, infatti, quelli che ricordano la precisione con cui Ranieri, nel 2014, aveva indicato un gigante di pietra che riposava sotto un metro di terra. Il giorno prima c'era solo terra, il giorno dopo era spuntato uno dei primi giganti rinvenuti dopo la riapertura degli scavi. La rabdomanzia, dunque, non c'entra nulla. Le teorie di Gaetano Ranieri hanno basi scientifiche solidissime e vengono utilizzate ogni giorno in campi come quelli delle indagini petrolifere o più semplicemente nel controllo dei cieli. Perché alla fine il suo "giocattolo" non è altro che un radar rivolto verso il sottosuolo. Certo, le letture dei dati non sono facili, servono esperti in grado di leggere complessi tabulati geologici, ma la precisione è eccezionale. E se in un primo tempo fare la "Tac" al terreno era visto anche dagli archeologici come un validissimo aiuto sul campo, da un certo punto in poi la presenza del professore non è più stata tollerata. E questo è un altro mistero della versione moderna di Mont'e Prama. In ogni caso il prof non si è scoraggiato e ha continuato a studiare i dati raccolti, che ha anche consegnato alla Soprintendenza in due soluzioni. D'altra parte, la collaborazione tra Ranieri e l'archeologia ufficiale non è nata ieri. Anzi. Il primo passaggio non prevedeva nemmeno un macchinario complesso come può essere quell'insieme di antenne trasmittenti e riceventi che è il georadar. Perché agli albori, Ranieri aveva utilizzato un semplice scanner.

«Ero in Marocco e visitavo la città di Volubilis, uno dei siti archeologici più importanti dello stato nordafricano. Nella parte romana c'erano ville patrizie, templi e un'infinità di mosaici ottimamente conservati. Mancava qualcosa, però. Non c'era l'anfiteatro - racconta Ranieri -. Poi, a Rabat, comprai una fotografia area del sito per l'equivalente di 100 lire perché avevo avuto un'idea. Scannerizzare l'immagine per vedere se fosse stato possibile studiare il terreno. Lo feci una volta ritornato in Sardegna e lo feci in compagnia del professor Momo Zucca che conoscevo di fama ma che avevo contattato perché aveva ottenuto un finanziamento ministeriale su un progetto simile. All'epoca i computer non erano molto potenti e per scannerizzare un'immagine, e rivelare i diversi toni di grigio ci voleva molto tempo. Zucca rimase al Pc, io invece mi misi a fare altro, fino a quando non lo sentii urlare e lo vidi ballare sul tavolo gridando "l'hai trovato". Era l'anfiteatro, scoperto dall'analisi di una foto area. Fu allora che Momo Zucca ebbe l'idea di fare lo stesso, ma con macchine differenti, a Mont'e Prama. L'abbiamo fatto e abbiamo trovato una città».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community