Sassari-Cagliari in treno: ecco il nuovo pendolino, più grande e più veloce

Boeddu, Filt Cgil: un grande passo avanti, ma nell'isola non è stato ancora installato a terra il sistema Scmt che consente ai convogli di viaggiare a 180 chilometri l'ora

SASSARI. Sarà forse esagerato parlare di rivoluzione dei trasporti, ma i treni sardi diventeranno più comodi e forse anche un po' più veloci. Nell'isola è sbarcato il primo treno Caaf 465. Al di là delle sigle criptiche è uno dei supertreni, i pendolini ordinati dalla Regione. Ma questo è più grande degli altri sette che sono già in servizio nell'isola.

A spiegare la differenza e i vantaggi è il segretario regionale della Filt Cgil Arnaldo Boeddu. «Soprattutto nei fine settimana, i pendolari non subiranno più alcun disagio - spiega -. Oggi si viaggia solo con il posto assegnato e spesso i pendolari sono costretti ad attendere il treno successivo perché non trovano posto».

Resta un problema, lo spiega ancora Boeddu: è il ritardo nell'installazione a terra del sistema Scmt che consente ai treni di pendolare e affrontare a una maggiore

velocità (180 chilometri orari) la tratta che da Oristano di dirige verso Porto Torres e Olbia. (l.roj)

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community