Forbici e fantasia: la costumista di Fo arriva da Osilo

Luisella Pintus ha lavorato 20 anni con le principali compagnie teatrali della penisola. Ora l’impegno con “Perfidia”

SASSARI. Ha lavorato accanto al premio Nobel Dario Fo e al maestro Claudio Abbado. È stata responsabile delle sartorie della “Compagnia della Rancia”, ha esposto alla Biennale di Venezia e ora, dopo quasi vent'anni di esperienze e riconoscimenti nei più importanti teatri italiani, si ritrova per la prima volta su un set cinematografico a pochi chilometri da casa. Il set è quello tutto sassarese di Bonifacio Angius per le riprese di “Perfidia”. Lei è Luisella Pintus, 45 anni di Osilo, professione docente del corso di costume per le lo spettacolo all'Accademia delle Belle Arti di Sassari.

Per il film del promettente regista “made in Sassari” si occupa dei costumi. L'esperienza del set - che definisce meravigliosa - ha deciso di condividerla con gli studenti dell'Accademia, proprio come fece con lei nel 1994 lo scenografo Francesco Calcagnini. «Fu lui, quando ero ancora studentessa – racconta la costumista – ad aprirmi le porte del mondo del teatro. A 26 anni mi propose di lavorare per il Rossini Opera Festival di Pesaro». Quell'esperienza fu un «colpo di grazia» perché il regista, un certo Dario Fo che portava in scena “L'italiana in Algeri”, notò che Luisella era brava e la chiamò anche l'anno successivo. Dopo tanto teatro e un paio di cortometraggi, finalmente il cinema. «Con Bonifacio Angius – spiega la docente-costumista di Osilo – ci siamo conosciuti in questa occasione e ci siamo subito trovati bene». Un mese prima dell'inizio delle riprese del film, quasi interamente girato a Sassari, Luisella Pintus ha “frugato“ negli armadi degli attori per costruire meglio i personaggi di “Perfidia”. «Insieme a Bonifacio – spiega – abbiamo curato la scelta dei colori degli abiti, del resto il ruolo del costumista è anche caratterizzare il personaggio». Sul set, dopo aver ricevuto l'ok del produttore Francesco Montini e del direttore di produzione Grazia Porqueddu, la docente

di Osilo ha voluto come assistenti cinque dei suoi studenti. «Con il direttore dell'Accademia Antonio Bisaccia – spiega – abbiamo pensato che non ci potesse essere esperienza migliore di un vero set per chi un domani lavorerà nel teatro e nel cinema».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro