Spettacolo a Bonorva con le spericolate pariglie

Sabato e domenica chiusura del Carnevale con la manifestazione equestre “S’Asone” Piero Sanna guiderà l’ardita esibizione dei cavalieri in corso Umberto

BONORVA. Sabato 8 e domenica 9, per il sedicesimo anno consecutivo, l’associazione cavalieri di “S’ischiglia” ha organizzato la “Discesa delle pariglie”.

L’importante manifestazione equestre, recupera e nobilita una tradizione che, nel corso delle manifestazioni carnascialesche, riservava uno spazio importante all’ardita, e talvolta spericolata, esibizione dei cavalieri.

Per l’occasione i provetti fantini nobilitano l’utilizzo dei propri destrieri spostandoli dal normale e pesante lavoro nelle campagne per “lucidarli a nuovo”, ornarli con bardature luccicanti ed impegnarli in gare d’abilità e destrezza, spesso al limite del rischio personale.

La tradizione rivivrà nel Corso Umberto I, in un tracciato reso agibile grazie alla stesura di diversi metri cubi di sabbia. I cavalieri, guidati da Pietro Sanna, “S’Asone ‘e Carrasegare”, saranno i protagonisti di una giornata di festa e sport che coinvolge ormai tutta la Sardegna.

Il programma della manifestazione prevede un preciso cerimoniale che regola lo svolgimento di tutta la manifestazione e inizierà giovedì 6, alle 12, con l’incontro, nel palazzo comunale, con il sindaco Giammario Senes, al quale il presidente di “S’Ischiglia”, Salvatore Angius, consegnerà lo spadino del comando che dovrà essere custodito negli uffici comunali e riconsegnato a “S’Asone ‘e Carrasegare”, Pietro Sanna, per dare inizio alla discesa delle pariglie.

Sabato 8, la cerimonia prevede la formazione di un corteo che partirà, alle 9, dalla casa di S’Asone, in via Nenni, preceduto dal consiglio d’amministrazione di S’Ischiglia con lo stendardo ed il cavallo, ricoperto da un drappo dai colori verde e blu con la riproduzione dello stemma del Comune e condotto a mano da un aiutante, in costume tradizionale bonorvese.

Davanti al palazzo comunale il sindaco consegnerà a S’Asone lo spadino, (simbolo delle pariglie), che sarà agganciato alla sella del cavallo, e gli affiderà la responsabilità della buona riuscita della manifestazione, invitandolo a dare inizio alla sfilata dei partecipanti e all’esibizione dei cavalieri nelle Pariglie.

A questo punto inizierà la sfilata lungo il Corso con la partecipazione dei tamburini e trombettieri “Su Brugu”, di Oristano, del coro “Paulicu Mossa”, di Bonorva, degli sbandieratori e musici della “Città dei candelieri”, dei costumi bonorvesi, del gruppo folk “Sas Nugoresas”, di Nuoro, e delle “Majorettes” di Alghero.

Al termine S’Asone, dopo il saluto alle autorità, sfilerà in testa al gruppo, si esibirà nella prima “discesa” e darà il via alle pariglie che, nei due giorni della manifestazione saranno presentate, con la conosciuta e apprezzata capacità e arguzia, dal simpatico e brillante cavaliere Angelo Masia di Bonnanaro.

Domenica 9, la manifestazione riprenderà con la sfilata alla quale, oltre ai gruppi di sabato, parteciperanno anche quello delle maschere tradizionali “Sos Turpos”, di Orotelli, e il gruppo folk "Città di Sassari".

Inizierà quindi l’esibizione delle pariglie, al termine delle quali, dopo la filata di saluto al pubblico, tutti i cavalieri, guidati da S’Asone, si fermeranno davanti al palazzo comunale dove saranno ricevuti dal sindaco Senes per la riconsegna dello spadino che il primo cittadino dovrà custodire sino alla manifestazione del prossimo anno.

La

manifestazione terminerà con un rinfresco, con del buon vino e dolci tradizionali, per tutti i presenti, ultimo atto di due giornate dense di emozioni e di grande spettacolo come solo le pariglie, grazie all’abilità ormai conosciuta anche fuori dalla Sardegna, dei cavalieri, sanno offrire.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro