Staffetta tra Picca e il suo “rivale” Cau

ILLORAI. Torna alle urne a maggio anche la comunità di Illorai, chiamata a rinnovare il consiglio comunale dopo i cinque anni di governo seguiti al lungo commissariamento. Sulla formazione delle...

ILLORAI. Torna alle urne a maggio anche la comunità di Illorai, chiamata a rinnovare il consiglio comunale dopo i cinque anni di governo seguiti al lungo commissariamento. Sulla formazione delle liste c’è ancora il massimo riserbo, ma la certezza è che non si ricandiderà il sindaco uscente Pietrina Picca (area Pdl, nella foto), la coraggiosa ex dipendente comunale che riuscì a restituire un governo al piccolo paese del Goceano vincendo le primarie ma anche, e soprattutto, grazie al patto di desistenza con il “rivale” Titino Cau (vicino all’Udc). Sarà proprio quest’ultimo il candidato sindaco della lista rappresentativa dell’attuale maggioranza: una scelta condivisa con fermezza dal gruppo, che ha già indicato il meccanico 64enne alla successione. Nessuna indiscrezione, per ora, sui nomi che comporranno la lista guidata da Cau, anche se già si sa che ci saranno alcune conferme e dei volti nuovi «anche in ossequio - dice lo stesso Titino Cau - al rispetto delle quote rosa». Dall’altra parte ci si aspetta la formazione di una seconda lista, della quale però ancora si sa poco e niente, e si può immaginare uno scenario simile a quello di cinque anni fa quando la compagine guidata da Cau fu messa insieme all’ultimo momento (anche con molti candidati provenienti da altri comuni e semisconosciuti ai più) per scongiurare il rischio del mancato

raggiungimento del quorum. Un fatto che, come si ricorderà, valse a Cau la poltrona di vice sindaco e, soprattutto, significò per il paese, finalmente, la possibilità di avere un’amministrazione che fosse espressione dell’elettorato e che potesse governare con una certa tranquillità. (b.m.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro