Sbarca con 10 chili di marijuana, arrestato

Porto Torres, operaio ligure di 43 anni intercettato a bordo dell’auto appena arrivato da Genova

SASSARI. Dieci chili di marijuana divisi in trentadue plichi di cellophane nascosti negli sportelli dell’auto. L’uomo - un operaio di 43 anni residente in Liguria - è stato fermato sabato nel porto di Porto Torres dalla guardia di finanza.

Il controllo è scattato subito dopo l’arrivo del traghetto proveniente da Genova e i finanzieri hanno impiegato il pastore tedesco «Bamby» che ha già consentito di realizzare altre importanti operazioni antidroga nello scalo marittimo turritano.

Non è improbabile che il corriere fosse tenuto sotto osservazione durante i suoi spostamenti, ma la conferma del trasporto del carico è arrivata quando il cane antidroga ha cominciato ad annusare con insistenza l’interno degli sportelli della Mazda. A quel punto, i finanzieri hanno deciso di approfondire le verifiche: l’auto è stata trasferita nel cortile della caserma di via Ponte Romano dove è stato possibile smontare i pannelli e fare la scoperta della droga.

Dieci chili di marijuana sicuramente destinati al mercato sardo che pure vanta una produzione importante e che -nel corso dei primi mesi dell’anno - ha fatto registrare continui sequestri da parte delle forze dell’ordine.

Dopo le formalità espletate nella caserma della Fiamme gialle di Porto Torres, l’arrestato è stato trasferito nel carcere di Bancali a disposizione del magistrato che si occupa dell’inchiesta. L’accusa formulata nei confronti dell’operaio è quella di traffico di sostanze stupefacenti.

Eseguito anche il sequestro dell’auto utilizzata per trasportare in Sardegna il carico di droga.

L’attività investigativa prosegue per ricercare i legami tra il corriere e i destinatari dello stupefacente. L’ipotesi investigativa è che il carico fosse destinato a un solo acquirente, quindi un grossista che potrebbe rappresentare il riferimento per un certo numero di clienti.

L’arrivo della marijuana dalla penisola

ha in parte sorpreso gli investigatori, anche perché le sostanze stupefacenti in ingresso nella porta del nord Sardegna sono prevalentemente hascisc, eroina e cocaina. Il carico di marijuana bloccato sabato a Porto Torres apre nuove valutazioni anche in campo investigativo. (g.b.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli