Lettera di minacce con l’ordigno

«Nitram 5» nel cilindro metallico in vicolo Del Drò. Intimidazione per una donna

SASSARI. C’era «Nitram 5», un plastico molto diffuso nelle cave, dentro il cilindro metallico posizionato davanti all’ingresso secondario di una abitazione del centro storico, in vicolo Tony Del Drò. L’hanno stabilito gli artificieri della polizia che hanno anche confermato che l’ordigno non poteva esplodere perché privo di innesco.

Le indagini, partite lunedì sera, dopo la scoperta dell’ordigno, sono affidate alla Digos e alla squadra mobile della questura. Il magistrato che si occupa dell’inchiesta è il sostituto procuratore Giovanni Porcheddu.

Pare che insieme al cilindro con esplosivo sia stato trovato anche un messaggio minatorio sul quale sono in corso ulteriori valutazioni da parte degli investigatori. L’avvertimento sarebbe rivolto a una professionista che alle ultime elezioni comunali era candidata con il centrosinistra (non è risultata eletta). Al momento - secondo quanto trapelato da ambienti investigativi - sarebbe esclusa la pista politica o eversiva, non ci sarebbero elementi di alcun genere. L’attenzione

è invece rivolta alla sfera privata e potrebbe trattarsi di una intimidazione per questioni di carattere personale.

Digos e squadra mobile stanno raccogliendo elementi utili per una valutazione più approfondita della vicenda e capire da dove e da chi arriva l’intimidazione. (g.b.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller