Furto di 16 euro in municipio, due denunce

Ventenni i presunti complici del giovane arrestato dieci mesi fa a Viddalba dopo un raid notturno

VIDDALBA. Svolta nelle indagini sul furto commesso la notte del 4 agosto dello scorso anno nel municipio di Viddalba mentre in paese erano in corso i festeggiamenti del carnevale estivo. I carabinieri della tenenza di Valledoria nei giorni scorsi hanno denunciato i due presunti complici del ventiduenne che era stato arrestato in flagranza di reato la notte stessa dell’episodio.

D.C.S., 20 anni, e A.G.P., di 23 anni, entrambi di Viddalba, presto potrebbero essere chiamati a rispondere della imputazione di concorso in furto aggravato e di danneggiamento. I militari, al comando del tenente Andrea Asuni, sarebbero riusciti a identificare i due giovani attraverso l’esame del Dna eseguito sulle piccole tracce di sangue rilevate dai militari negli uffici visitati dai ladri e all’interno di un passamontagna trovato nei pressi del municipio di Viddalba.

La visita notturna al municipio del paese aveva fruttato un “bottino” di 16 euro e – forse per la delusione – gli autori del raid si erano accaniti contro gli arredi interni provocando danni ingenti.

Pur senza entrare nel merito della vicenda e della indagine che ha portato alla denuncia dei tre giovani compaesani, il sindaco del paese Vito Ara ha colto l’occasione per ringraziare la tenenza di Valledoria «per il lavoro di prevenzione della criminalità che il tenente Asuni e i suoi uomini stanno mettendo in campo».

Il primo cittadino di Viddalba si dice molto preoccupato perché

in paese negli ultimi tempi stanno aumentando gli episodi di vandalismo e confida nella massima collaborazione della comunità. Secondo Vito Ara, il lavoro delle forze dell’ordine e delle istituzioni può e deve essere sostenuto da una opera di vigilanza da parte degli adulti e delle famiglie.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller