Usini, un saggio scolastico a ritmo di “ballu tundu”

USINI. In un clima gioioso e di festa i bambini della scuola primaria dell’istituto comprensivo “Grazia Deledda”, a conclusione dell’anno scolastico si sono esibiti nell’applauditissimo saggio finale...

USINI. In un clima gioioso e di festa i bambini della scuola primaria dell’istituto comprensivo “Grazia Deledda”, a conclusione dell’anno scolastico si sono esibiti nell’applauditissimo saggio finale cimentandosi nelle tradizionali danze de “Su ballu tundu” e “Sa Logudoresa”. I bambini di tutte le classi hanno dato dimostrazione di quanto appreso durante il percorso scolastico grazie al progetto “A manu tenta” nato in collaborazione col gruppo folk San Giorgio di Usini, improntato sulla cultura locale e le danze tradizionali della Sardegna in particolare quelle del territorio. Il giardino dell’ex-ma avvolto in uno scenario suggestivo e arricchito dalla bellissima scenografia allestita con cura dai ragazzi del “San Giorgio”, ha ospitato genitori, nonni e zii di tutti gli allievi che hanno potuto trascorrere ore di assoluto spettacolo e divertimento. «Il progetto per l'approccio ludico-sportivo alla danza tradizionale è nato per guidare i bambini di questa fascia di età per far conoscere loro in modo diretto la propria realtà territoriale con la sua storia e le sue tradizioni cogliendo il senso gioioso del folclore facendo in modo che essi pervengano alla consapevolezza della propria identità sociale e culturale – ha detto l’insegnate Daniela Orsi, portavoce del corpo docente –. I presupposti alla base del progetto sono stati il confronto e la cooperazione tra soggetti diversi, tra il mondo della scuola e dell’extra scuola, al fine di costruire un sistema integrato educativo, di arricchire il patrimonio motorio e culturale degli alunni, offrendo percorsi che consentano ad ognuno di orientarsi e scegliere consapevolmente l’attività sportiva più consona ai propri bisogni e interessi». Gli obiettivi del progetto riguardavano l’importanza di lavorare in gruppo per ottenere un risultato; fornire un buon contributo allo sviluppo della personalità e del bagaglio creativo dei ragazzi attraverso un approccio alla danza più ricco e formativo; scoprire le potenzialità espressive della danza e sperimentare nuove possibilità di comunicazione e di relazione; diffondere la buona pratica della danza e preservarne

gli elementi culturali (musica, tradizioni, costumi). Il progetto si è avvalso della fattiva collaborazione del Gruppo Folk San Giorgio e dell’infaticabile maestra Piera Fenu. Ad accompagnare i bambini nelle danze è stato l’organetto del bravissimo maestro Giuseppe Cubeddu. (f.c.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller