santa maria coghinas

Polizia locale e rimpasto, critica la minoranza

SANTA MARIA COGHINAS. Sulla vicenda relativa all'uscita del Comune di Santa Maria Coghinas dalla convenzione che vedeva in forma associata la gestione della polizia municipale, e al rimpasto di...

SANTA MARIA COGHINAS. Sulla vicenda relativa all'uscita del Comune di Santa Maria Coghinas dalla convenzione che vedeva in forma associata la gestione della polizia municipale, e al rimpasto di giunta dei giorni scorsi effettuata dal sindaco Pietro Carbini fanno sentire la loro voce i consiglieri comunali della minoranza, affidandosi a un comunicato stampa che ha come portavoce il loro capogruppo Antonello Oggiano. «In riferimento alla delibera del 2 dicembre scorso – scrivono i consiglieri di opposizione – con cui il consiglio comunale ha decretato l'uscita dal servizio associato della polizia locale, motivando la scelta che il servizio stesso e i costi non raggiungessero le aspettative iniziali. Abbiamo ritenuto opportuno astenerci». «Con ciò – si legge ancora nel comunicato – però è giusto rimarcare con fermezza che le motivazioni che hanno portato a una decisione del genere sono quanto meno opinabili e senza un'approfondita analisi costi benefici». «Questo – prosegue la minoranza – in quanto si tratta di una funzione associata obbligatoria per legge, nata per migliorare e diminuire i costi».

Anche sul rimpasto di giunta la minoranza esprime delle osservazioni alquanto critiche. «Per quanto concerne la nuova giunta comunale – sottolineano i consiglieri di opposizione –, giustificata dal primo cittadino da presunti accordi con gli elettori (anche se gli accordi dovrebbero essere quelli presenti nel programma elettorale) o dal voler dare un segnale forte alla comunità relativamente alle pari opportunità, non si vuole entrare in merito alle scelte che spettano esclusivamente alla maggioranza e si spera che le motivazioni reali siano veramente queste e non scaturite da tensioni nate in questi anni di mandato».

«Lascia molta perplessità l’assenza dei due consiglieri più votati dall'elettorato che oggi non fanno parte della giunta comunale – continua il comunicato – e che sono privi di incarichi di rilievo all'interno dell'esecutivo. Si aggiunge,inoltre, il cambiamento di soli due componenti della giunta e non di tutti». «Siamo favorevoli alla nomina del nuovo assessore Davide Brotzu – chiosano

i consiglieri di minoranza – ma perplessi sulle sue contestuali dimissioni di consigliere per fare spazio ai non eletti. Riteniamo più corretto che sui banchi del consiglio ci fossero solo gli elementi che sono espressione popolare e non scaturiti da accordi preelettorali».

Giulio Favini

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller