Colpi di pistola al rivale, arrestato

L’episodio il 17 in via Madrid, l’uomo accusato di tentato omicidio. Si cerca l’arma

SASSARI. Tentato omicidio, porto e detenzione illegale di pistola: con queste accuse i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia hanno arrestato Ruggero Carta, 53 anni, sassarese. L’arma ancora non è stata trovata, ma gli investigatori sono certi che sia stato lui - la notte di sabato 17 gennaio - a sparare due colpi contro Salvatore Camboni, 27 anni di Sassari, in via Madrid, dopo una lite nel corso della quale, in un primo momento, aveva avuto la peggio. Poi Ruggero Carta sarebbe tornato a casa (a poca distanza) per prendere una pistola che deteneva illegalmente. Tornato sul luogo del litigio, e in presenza di alcuni testimoni, Carta avrebbe affiancato Salvatore Camboni esplodendo due colpi da distanza ravvicinata, uno dei quali aveva colpito il giovane al fianco. Lo sparato si era quindi allontanato a bordo della propria auto.

Nelle fasi iniziali delle indagini, i carabinieri avevano avuto non poche difficoltà per ricostruire la vicenda: il ferito, infatti, non presentava apparenti lesioni, non perdeva sangue e inizialmente il malessere era stato valutato come conseguenza dello stato di ubriachezza. E i presenti - tra cui la fidanzata di Camboni - avrebbero cercato di depistare le indagini sostenendo che i rumori sentiti da alcuni testimoni erano stati causati da dei petardi. Avevano cercato persino di rendere vano l’intervento

dell’ambulanza del 118. Vista la gravità delle condizioni di Salvatore Camboni (in ospedale è emersa la ferita d’arma da fuoco) alcuni amici hanno collaborato e consentito di indirizzare le indagini in una direzione specifica. Carta è stato rinchiuso nel carcere di Bancali. (g.b.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller