Petretto: «Ittireddu sta cambiando volto»

Il sindaco fa il bilancio del lavoro dell’amministrazione: molti i cantieri aperti che daranno frutti

ITTIREDDU. «L’affannosa ricerca di nuove fonti di finanziamento sta gradualmente ripagando l’impegno profuso, consentendo di attuare interventi importanti che in breve tempo cambieranno radicalmente il volto del paese». Con queste parole il sindaco di Ittireddu Rosolino Petretto annuncia il completamento di alcune opere pubbliche in paese e l’avvio di nuove iniziative che, come dice lo stesso Petretto, consentiranno al piccolo centro del Logudoro di diventare ancora più vivibile ed attraente».

Dopo una prima parte di legislatura caratterizzata dall’impegno speso per chiudere opere ed appaltare interventi ereditati dalle precedenti amministrazioni, dice il sindaco, si è iniziato a concentrarsi sul proprio programma iniziando da piccoli interventi sul verde, e dalla programmazione di altre opere e sull’arredo urbano; i primi interventi hanno riguardato l’area del monumento ai caduti e lo slargo di via San Giacomo, che dall’8 marzo diventerà via Maria Chighine con la posa di un monumento in onore dell’illustre concittadina distintasi come promotrice del tribunale del malato e alla quale Genova, sua città di adozione, ha già intitolato una piazza ed un padiglione di un ospedale.

Passando ai lavori nelle strade, è già stato stipulato il contratto d’appalto per il complessivo rifacimento del manto stradale e della segnaletica, che sarà realizzato con il bel tempo, mentre per quanto riguarda la rete idrica si è riusciti ad attivare una accordo con Abbanoa per risolvere problemi che si trascinano ormai da alcuni anni: è già stata sistemata la rete idrica di via Gramsci e a breve si interverrà su quella di via Alcide De Gasperi e successivamente sul tratto più importante di via Europa.

Importanti finanziamenti sono stati concessi dal Gal Logudoro Goceano direttamente al Comune o tramite l’Unione dei Comuni - il restauro della splendida fonte Funtana ‘e Josso, che sarà terminata entro la primavera (70mila euro, con il progetto classificatosi primo nel bando Gal), e la manutenzione del campo Su Comunale, che consentiranno di impiegare disoccupati locali - mentre altri 80mila euro sono stati concessi dalla Regione per realizzare l’ecocentro, che saranno completati con altri 70mila euro concessi dalla Provincia. Altre novità riguardando il museo, la palestra e la caserma carabinieri (con le prime due che saranno sistemate

all’esterno grazie a 300mila euro dei Pia) e le aree esterna al municipio e alla scuola, mentre sono stati appena terminati i lavori di infrastrutturazione della rete elettrica pubblica, per migliorare ulteriormente la quale il Comune ha ricevuto dalla Ras oltre 1 milione di euro. (b.m.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller