Aperto a Bonorva lo sportello mediazione

Il servizio di giustizia civile riguarderà le controversie che saranno risolte senza arrivare in tribunale

BONORVA. Da alcuni giorni ha iniziato a operare, con sede nella sala consiliare del Comune, un nuovo strumento semplificativo della giustizia civile rappresentato da uno sportello di consulenza e primo ascolto, totalmente gratuito, e di mediazione civile, che prevede costi d’intervento piuttosto limitati e regolati da una precisa tabella, legata agli importi ed al tipo di mediazione. La giunta comunale, presieduta da Giammario Senes, ha accolto la proposta dell’Omci (Organismo di mediazione e conciliazione Italia), un ente di formazione accreditato dal Ministero della Giustizia e ha disposto di concederle l’utilizzo, a titolo gratuito, negli orari e giorni prefissati, della sala consiliare dove si potranno tenere gli incontri di consulenza o mediazione. A distanza di qualche mese dalla tormentata chiusura degli uffici del giudice di pace, che era subentrato alla presenza pluridecennale del pretore, e che per il paese aveva significato la perdita di un Istituto delegato, in sede locale, alla trattazione e soluzione delle varie problematiche giuridiche, di carattere civile e penale, il vuoto sarà colmato, seppure parzialmente, dall’apertura del nuovo ufficio che consentirà ai cittadini che ne avessero necessità di ottenere le giuste informazioni, a titolo totalmente gratuito, o di risolvere le controversie con il ricorso all’intervento di mediazione civile secondo parametri di spesa preordinati e legati al valore del giudizio, e evitare il ricorso all’autorità giudiziaria. Si tratta di una procedura che riguarda la discussione di tutte le liti di carattere commerciale e civile, riduce notevolmente i tempi, (la mediazione deve concludersi entro tre mesi), e le spese per la soluzione delle controversie che saranno chiuse con un accordo di conciliazione scritto. In alcuni casi inoltre le disposizioni vigenti, prima di iniziare una causa in tribunale, prevedono il tentativo di mediazione, con l’assistenza obbligatoria degli avvocati delle parti. Per accedere alla procedura è obbligatorio presentare una domanda presso lo sportello provinciale o comunale dell’Omci. Lo sportello sarà aperto ogni mercoledì del mese di aprile, nei giorni 15 e 29, dalle 16 alle

18, l’8 e il 22 dalle 10,30 alle 12,30. Per informazioni e appuntamenti ci si può rivolgere a Stefano Spanu, tel. 349 678 6891, Bruna Filippi, tel. 324 902 2441, Alfredo Lorrai, tel. 349 565 2779 o al referente regionale dell’Omci, Antonio Roberti, telefono 348 4614450.

Emidio Muroni

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller