Acqua a intermittenza, in rivolta 15 Comuni

Il potabilizzatore di Sos Canales non funziona, appello a Regione e Abbanoa Oggi a Buddusò una riunione di amministratori del Goceano e del Nuorese

Un incontro urgente con tutti i sindaci dei comuni serviti dall’invaso idrico di Sos Canales, e con la richiesta presenza dell’amministratore unico di Abbanoa Alessandro Ramazzotti, è stato convocato questa sera dal sindaco di Buddusò Giovanni Antonio Satta. Il tema del dibattito è unico, ed è di fondamentale importanza per la salute degli abitanti: da anni l’acqua proveniente dal potabilizzatore dell’invaso di Sos Canales è torbida e l’utilizzo a fini alimentari è stato più volte vietato, anche in tempi recentissimi, visti i valori fuori norma più volte riscontrati. Un problema grave, che ha bisogno di un’urgente e definitiva soluzione. Per questo il sindaco di Buddusò chiama in causa il gestore unico del servizio idrico Abbanoa spa ma anche la Regione: entrambe infatti, come racconta il primo cittadino di Buddusò, da tempo si sono impegnate a effettuare un intervento risolutore del quale, però, non si è ancora vista traccia.

«Da diverso tempo - dice il sindaco Giovanni Antonio Satta - l’acqua destinata a consumo umano proveniente dal potabilizzatore dell’impianto di Sos Canales che approvvigiona le reti idriche dei nostri comuni risulta non perfettamente rispondente ai parametri di legge. Sono sempre più numerose le segnalazioni da parte dei cittadini che lamentano la presenza nell’acqua in distribuzione della rete di odori e colori sgradevoli e ormai da troppo tempo, e per troppo tempo, le nostre popolazioni sono esposte a rischi causati dallo stato di degrado in cui versa l’impianto di potabilizzazione. Con il passare dei giorni la situazione sta diventando insostenibile, in particolare per gli anziani, i bambini e i malati, nonché per tutte le attività di somministrazione di alimenti e bevande, per i panifici e gli asili che non riescono più a garantire i servizi essenziali. Nonostante le rassicurazioni da parte di Abbanoa e della Regione e l’assunzione di un impegno per un intervento risolutore per eliminare le criticità segnalate - aggiunge Satta -, a tutt’oggi, non si hanno segnali di normalizzazione dei valori qualitativi dell’acqua, costringendo i sindaci ad emettere disposizioni restrittive sull’utilizzo e consumo dell’acqua».

L’invaso sul fiume Tirso, costruito negli anni ’50, serve, oltre a Buddusò, i Comuni di Alà dei Sardi, Anela, Benetutti, Bitti, Bultei, Bono, Burgos, Esporlatu,

Lodè, Lula, Nule, Onanì, Orune e Osidda. Sono questi i sindaci invitati, insieme con l’amministratore di Abbanoa, la cui presenza è «ritenuta necessaria» dal primo cittadino di Buddusò «per un confronto diretto», a partecipare all’incontro, che si terrà nella sala consiliare alle 16.30.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller