Osilo, si apre lo scrigno delle “Note meno note...”

Da oggi fino al 19 si tiene la rassegna dedicata alla musica sacra e al barocco Alle 19,30 nella chiesa parrocchiale si esibiranno Gilda Dettori e Lilia Ianeva

OSILO. L’amore e la passione per la musica non conoscono ostacoli, e così, nonostante la crisi e nonostante le sempre più gravi difficoltà a reperire finanziamenti, MusicArti ripropone anche quest’anno la sua rassegna “Note note e meno note...”. Sarà la 12ª edizione e sarà patrocinata anche stavolta dal Comune di Osilo, con la collaborazione della scuola civica di musica “Sonos de janas” e dell’Istituto comprensivo di Osilo. Il primo appuntamento è fissato per oggi, alle 19,30 nella chiesa parrocchiale. Con il progetto “Il rosario musicale”, si esibiranno Lilia Ianeva, soprano e Gilda Dettori all’arpa. Il programma prevede un viaggio spirituale-musicale nello spazio e nel tempo della cristianità, focalizzato sulla più importante forma di preghiera: il Rosario. Il progetto comprende sia brani gregoriani che in antico russo ortodosso ed è arricchito dal canto dell’Ave Maria in diverse lingue (latino, italiano, ladino, russo ortodosso, sardo) e da diverse pagine classiche e operistiche. Lilia Ianeva è una soprano bulgara, ormai da tempo residente in Italia, con un lungo e ricco curriculum alle spalle. Gilda Dettori è il direttore artistico dell’associazione musicArti e della scuola civica di musica Sonos de janas, con molti e importanti titoli di merito in campo musicale anch’essa. Il secondo concerto si terrà sabato 2 maggio, sempre alle 19,30, nella chiesa del Rosario. Ad esibirsi sarà l’arpista emiliano Davide Burani, che proporrà un intrigante programma dal titolo “Evviva l’Opera”, fantasie operistiche (e non solo) per arpa solista, su adattamenti di musiche di Verdi, Offenbach, Gershwin e Puccini e pagine della tradizione arpistica quali la celebre Toccata di Paradisi. Davide Burani è un musicista molto noto e apprezzato. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni radiofoniche e televisive di Radio Uno, della Radio Svizzera, di Radio Tre. Ha inciso numerosi cd, sia da solista che in ensemble. Dal 2009 è docente di arpa all’Istituto superiore di studi musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia. La rassegna si chiuderà il 19 maggio, stavolta al mattino, alle 11, con un concerto per le scuole nell’Istituto comprensivo. Con il programma “Dal Barocco al Novecento”, si esibirà il “Trio Schumann”, con Vittorio Vargiu al violino, Giuseppe Fadda al violoncello, Mariano Meloni al pianoforte. Il concerto prevede un impegnativo programma che spazia su quattro secoli di musica, appunto dal Barocco al Novecento. Vittorio Vargiu si è diplomato in violino al Conservatorio di Cagliari e si è esibito con varie formazioni in numerose località italiane ed estere tra cui Ungheria, Cecoslovacchia, Russia, Malta e Giappone. Giuseppe Fadda si è diplomato in violoncello col massimo dei voti al Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza e ha vinto nella sua carriera diversi premi in concorsi nazionali e internazionali.

Mariano Meloni si è diplomato in pianoforte col massimo dei voti e la lode al Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila. Dal 1983 è docente di pianoforte al Conservatorio di Sassari di cui è stato direttore dal 2000 al 2005. Vanta una lunghissima carriera a livello nazionale e internazionale.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli