rito abbreviato

Droga in pancia, spagnola condannata a tre anni e 6 mesi

SASSARI. È stata condannata a 3 anni e sei mesi di reclusione la 39enne spagnola Maria del Pilar Jodar Garcia, arrestata lo scorso febbraio dalla guardia di finanza di Alghero. L’imputata, assistita...

SASSARI. È stata condannata a 3 anni e sei mesi di reclusione la 39enne spagnola Maria del Pilar Jodar Garcia, arrestata lo scorso febbraio dalla guardia di finanza di Alghero. L’imputata, assistita dall’avvocato Carlo Pinna Parpaglia, è stata processata con rito abbreviato – condizionato alla perizia della sostanza stupefacente sequestrata al momento dell’arresto – davanti al giudice monocratico Teresa Lupinu. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 4 anni e sei mesi.

La donna era stata bloccata dagli uomini delle Fiamme gialle con 460 grammi di droga (inizialmente si era pensato fosse cocaina, invece gli esami hanno accertato che si trattava di eroina) nell’aeroporto di Alghero appena sbarcata dal volo proveniente da Girona. Era stata sottoposta

a una perquisizione personale che aveva consentito di trovare ai finanzieri i primi 250 grammi di droga, confezionati sotto forma di ovulo, all’interno della sua borsa. L’altra ce l’aveva negli indumenti intimi mentre quattro ovuli ingeriti dalla donna erano stati scoperti con una radiografia.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro