Vai alla pagina su Lavoro

Stand di “Scelte di campo” presi d’assalto dai cittadini

Osilo, successo per il mercatino organizzato da una cooperativa di giovani Il progetto ha come scopo l’inserimento nel lavoro delle persone svantaggiate

OSILO. Sarà che i prodotti erano presentati con una cura particolare, sarà stata la vivacità e l’accostamento dei colori, sarà che era proprio evidente che melanzane, peperoni, cavoli e spinaci erano freschissimi, appena raccolti, ma la prima uscita al mercatino di Osilo della cooperativa “Scelte di campo” - che rappresenta la naturale evoluzione del progetto “La serra di Gulliver” per l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate – è stato un successo oltre le previsioni. Lo stand è stato preso letteralmente d’assalto da clienti un po’ incuriositi, un po’ solidali, un po’ convinti dalla convenienza dei prezzi, prefigurando quello che potrà essere un nuovo canale di vendita per i giovani della cooperativa.

Scelte di campo, finora, in ragione della sua particolare composizione sociale, dell’indispensabile periodo di start-up, della necessità di capire le logiche del mercato, aveva mantenuto un profilo basso, privilegiando le vendite online e le consegne dei prodotti su prenotazione in siti prestabiliti. Ma a Osilo è stata inaugurata una nuova modalità di vendita, che metterà ancora più in contatto i giovani della cooperativa – e il significato del loro progetto – con i consumatori, i quali sempre di più potranno divenire sostenitori dei loro obiettivi. Ottenute tutte le autorizzazioni necessarie, Scelte di campo ha allestito un proprio stand di vendita al mercatino settimanale di piazza San Valentino. Ora, dopo quello di Osilo, Scelte di campo sarà presente, tutti i mercoledì, anche ad un altro mercatino in uno dei paesi che da sempre ha mostrato grande interesse per i prodotti della cooperativa: quello di Martis. E poi, sulla base della sperimentazione e dei risultati ottenuti in questi due centri, l’intento è quello di proiettarsi su altri mercatini, andando a coprire tutti i giorni della settimana.

«Sono traguardi che comportano fatica e impegno – afferma la presidente di Scelte di campo, Viviana Usai – ma che rappresentano anche uno sbocco obbligato della nostra attività, considerato il fatto che ormai le nostre produzioni hanno raggiunto livelli quantitativi davvero importanti, e che uno degli obiettivi alla base del nostro progetto era anche quello di far conoscere e radicare la cooperativa nel territorio».

Scelte di campo era stata costituita formalmente il 30 gennaio scorso per la volontà del Plus Anglona-Coros-Figulinas, e di dieci dei 23 comuni dell’ambito, che decisero di compiere un ulteriore passo per l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate, divenendo soci della cooperativa. Oltre ai 10 soci pubblici, la compagine sociale è completata da quattro soci individuali, che ne costituiscono il consiglio di amministrazione. Ed è stato grazie al coraggio ed alla lungimiranza di quel consiglio di amministrazione, che Scelte di campo è “uscita” dalle due serre che il Plus gli aveva messo a disposizione ed ha preso in affitto circa sette ettari di terreno orticolo, indispensabili per garantire la sostenibilità

di quel numero di inserimenti lavorativi, dopo che le risorse pubbliche si erano andate esaurendo. E ora, dopo un periodo di preparazione del terreno e di impianto progressivo delle colture, la produzione è praticamente andata a regime, garantendo quantità e qualità davvero di alto livello.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community