Dieci anni di musica festeggiati in coro

Chiaramonti: il traguardo di Tzaramonte celebrato in occasione della rassegna “Cantigos de Coros”

CHIARAMONTI. Questa volta la chiesa parrocchiale di San Matteo si è rivelata davvero troppo piccola per ospitare il grande pubblico che ha reso omaggio alle diverse corali che si sono esibite sabato scorso in occasione dell’undicesima edizione della rassegna “Cantigos de Coros” che ha coinciso con i festeggiamenti per il decennale del Coro de Tzaramonte, l’associazione culturale che ormai da due lustri organizza la manifestazione con un seguito sempre crescente. Un evento che si inserisce tra gli appuntamenti di fine anno più attesi per i cori in lingua sarda che portano avanti le tradizioni dell’isola. A decretare il grande successo di quest’anno ha contribuito anche la presenza di un presentatore d’eccezione: il Giuliano Marongiu di Videolina che, tornando a Chiaramonti, ha mantenuto la promessa fatta in occasione della quarta edizione della sfilata dei costumi della Sardegna che si era tenuta a settembre in paese. Ma ovviamente i grandi protagonisti sono stati i cori ospiti provenienti da diverse parti dell’isola che, assieme a quelli locali, hanno offerto uno spaccato straordinario della ricchezza culturale dei propri paesi e di tutta una regione.

Visto l’avvicinarsi del Natale sono stati prescelti i canti e le melodie del repertorio di carattere sacro. Ad aprire la serata sono stati il cantautore Franco Sechi, il Coro de Tzaramonte e il Coro Doria diretti entrambi dal maestro Salvatore Moraccini. Quindi è stata la volta dei cori ospiti con le loro melodie più sentite: il Coro S’Arrodia di Sinnai diretto dal maestro Maurizio Boassa, il Coro di Loiri diretto dal maestro Bernardo Deriu, il Coro Paulicu Mossa di Bonorva diretto dal maestro Marco Lambroni e il Coro Città di Ozieri diretto dal maestro Mario Coloru.

Il gran finale è stato affidato ai padroni di casa: diretti dal maestro Moraccini i componenti del Coro de Tzaramonte hanno intonato l’emozionante “Ninna nanna” di Tonino Puddu disposti nella chiesa in maniera da voler abbracciare simbolicamente tutti i presenti. Un modo per ringraziare e salutare tutti coloro che con grande passione hanno

seguito e seguono il percorso artistico del coro. Oltre alla Regione e al Comune, alla serata hanno collaborato la Pro Loco di Chiaramonti, l’agriturismo Spinalva e l’artista Budroni di Porto Torres che ha fornito le ceramiche offerte ai partecipanti come dono ricordo.

Letizia Villa

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro